Scioperi mezzi pubblici settembre-ottobre 2015: info, date e orari

Ecco il calendario degli scioperi previsti per settembre-ottobre 2015

Gli scioperi ripartono dopo le ferie estive. Gli italiani troveranno dopo la pausa estiva una nuova carrellata di scioperi che interesseranno treni, aerei e mezzi pubblici. Sono già previste alcune agitazioni in questi ultimi giorni di agosto ma ecco nel dettaglio date e mezzi coinvolti.

Scioperi Settembre 2015 trasporto aereo:

6 settembre:

– sciopero di quattro ore, dalle 10 alle 14, del personale Aviapartner dell’aeroporto di Venezia;

– sciopero dalle ore 14 alle ore 18 del personale di terra e delle attività aeroportuali degli aeroporti di Bari;

– sciopero di quattro ore anche per i lavoratori Ata degli scali di Milano Linate e Malpensa;

– sciopero dalle ore 14 alle ore 18 di Meridiana;

22 settembre giornata nera per il trasporto aereo: stop di 4 ore, dalle 13 alle 17, del personale Enav e Alitalia degli aeroporti di Roma e del personale di Air Italy;

Scioperi Settembre 2015 trasporto ferroviario e mezzi pubblici:

8 settembre:

– sciopero di 24 ore,  dalle ore 21 dell’8 settembre alle ore 21 del 25 settembre, della sezione regionale Piemonte di Trenitalia;

– incroceranno le braccia per 4 ore anche i lavoratori dei mezzi pubblici di Taranto;

11 settembre:

– stop dei trasporti locali a Modena e Reggio Emilia;

12 settembre:

si fermeranno per 24 ore i lavoratori di Trenord, il gruppo FSI e il personale di macchina di Trenitalia per la regione Toscana;

13 settembre:

Non manca neanche Italo Treno NTV, il nuovo mezzo di trasporto ferroviario, che a mezzanotte del 13 settembre inizierà lo sciopero che si protrarrà fino alle 23,59;

15 settembre:

stop per 4 ore nella capitale ai servizi del personale Atac e del personale della Società Tpl;

25 settembre nuovo sciopero di 24 ore di Italo NTV.

Ad ottobre ci sono già due date da segnare sul calendario: quella del 2 e del 5. In queste due giornate ci saranno le proteste dei lavoratori dei trasporti locali nelle città di Bologna e Firenze.

(Immagine: it.blastingnews.com)