Sciopero mezzi pubblici venerdì 14 novembre: tutti gli orari

Venerdì 14 a Milano, Genova, Firenze, Torino, Napoli, Bologna e Roma blocco dei trasporti per sciopero nazionale. Ecco la mappa dei disagi

Venerdì 14 collegamenti a singhiozzo a causa di alcuni scioperi programmati.

Alitalia ha comunicato l’adesione allo sciopero nazionale dalle ore 12.00 alle ore 16.00 da parte di tutto il personale aderente alla Uiltrasporti a all’Anpav. L’azienda farà però un’eccezione per la Liguria che – a fronte delle calamità di questi giorni – non verrà coinvolta nello sciopero del trasporto aereo.
Disagi invece nelle città di Roma, Milano, Genova, Bologna, Napoli, Firenze e Torino. Sono previste sospensioni del servizio di trasporto ferroviario, marittimo ed aereo che potrebbero recare problemi in fasce orarie che variano da città a città.

In particolare, nella capitale si fermeranno tram, bus, filobus, metropolitane e ferrovie a Roma-Lido, Termini-Giardinetti e Roma-Civitacastellana-Viterbo negli orari 8.30-17.00 e dalle 20.00 fino alla fine del servizio. A Milano, il servizio di tram e autobus è interrotto nelle fascia 8.45-15.00 e 18.00 sino al termine del servizio. Differente la circolazione delle tre linee della metropolitana, garantita al mattino e sospesa solo dalle 18.00 fino al termine del servizio.

Trasporti fermi a Genova dalle 9.30 alle 17.00 e a Firenze, secondo il sito dell’Ataf, saranno difficoltosi i collegamenti nel centro (per due manifestazioni concomitanti) dalle 9.00 alle 14.00.

Anche a Torino, il Gruppo Torinese Trasporti annuncia sospensioni del servizio urbano e suburbano, metropolitana, autobus extraurbani dalle 18 alle 22 e sulle linee sfm1 Pont-Rivarolo-Chieri (ferrovia Canavesana) e sfmA Torino-Aeroporto-Ceres. Altri disagi sono previsti in tratti specifici tra Settimo T.se, Torino Porta Susa e Chieri.

A Napoli le agitazioni sono previste invece per la prossima settimana, venerdì 21, giorno in cui a Roma ci saranno contemporaneamente i cortei delle sigle aderenti agli scioperi nazionali.

L’agitazione proclamata dai COBAS (Comitati di base) ed indetta con il coinvolgimento di lavoratori precari, privati e a partita IVA, i movimenti studenteschi ed i disoccupati, critica l’approvazione del Job Act, delle politiche di austerity imposte dall’UE e vuole infine richiamare l’attenzione sul diritto di sciopero, alla luce delle aggressioni – avvenute nelle scorse settimane a Roma – durante i cortei degli operai di Terni.

 

[foto: ]