Aspirina: tutte le controindicazioni

Avete un leggero mal di testa, qualche fastidioso dolorino, un principio di raffreddore e subito ricorrete alla vostra fedele amica aspirina? Ecco tutte le controindicazioni

Accade spesso che si finisca con il dare per scontato gli eventuali danni che un prodotto di uso comune potrebbe causare al nostro organismo. Se non avete mai letto il famoso foglietto illustrativo della vostra aspirina, ecco per voi una veloce revisione di tutte le sue controindicazioni.

Innanzitutto, sappiate che questo farmaco non dovrebbe mai essere assunto da chi è allergico a sostanze quali ibuprofene, naprossene e saliciati e, in generale, da chi è intollerante agli antinfiammatori. Anche chi è affetto da asma o da una forma di brancospasmo che può essere aggravata dai FANS, i farmaci antinfiammatori non steroidei, dovrebbe starne alla larga.

In particolar modo, poi, i soggetti affetti da diabete, ulcera peptica e gastrite, dovrebbero almeno consigliarsi con il proprio medico di base prima di ingerire il farmaco, in quanto gli effetti collaterali si riversano direttamente sulle pareti dello stomaco. Inoltre, va ricordato che anche in assenza di questi problemi, l’aspirina può aumentare il rischio di sviluppare disturbi all’apparato digerente o addirittura un’emorragia gastrica, che si verifica specialmente quando il medicinale viene ingerito assieme all’alcool o alla warfarina, un altro farmaco dalle proprietà anticoagulanti.

Proprio per questo motivo, infatti, anche i pazienti che soffrono di emofilia o di altre patologie legate alla coagulazione del sangue non dovrebbero assolutamente assumere né l’aspirina né alcun medicinale contenente saliciati. In particolar modo, facciano attenzione coloro che sono affetti da una carenza genetica di glucosio-6-fosfato deidrogenasi, perché potrebbero riportare un’anemia emolitica più o meno grave a seconda delle quantità assorbite.

Altre occasioni in cui bisognerebbe evitare di ingerire il prodotto si verificano nei casi di gotta, iperuricemia, o di patologie associate ai reni. Questo perché l’aspirina mina la capacità dei reni di eliminare l’acido urico e, in questo modo, potrebbe contribuire al peggioramento di questi disturbi. Essendo correlata con la Sindrome di Reye, poi, enon dovrebbe essere somministrata agli adolescenti e, naturalmente, nemmeno ai bambini.
Al di là delle controindicazioni dell’aspirina, ricordate sempre di utilizzare qualsiasi farmaco con la dovuta prudenza e, soprattutto, di accertarvi dello stato di salute, delle eventuali patologie, allergie e intolleranze di chi andrà ad ingerirlo.