La chirurgia non è la soluzione: Courtney Cox si pente dei ritocchi

L'attrice americana rivela la sua delusione per i tanti interventi chirurgici cui si è sottoposta negli anni.

Abbiamo conosciuto e amato Courtney Cox nella mitica sit comedy Friends, dove ha interpretato il ruolo di Monica Geller, per scoprire che oggi è diventata una donna di cinquantadue anni pentita dagli interventi chirurgici e dalle numerose punture di botulino. Un’attrice che non ha esitato a uscire allo scoperto e che, anzi, ha ammesso di non sentirsi soddisfatta del risultato finale rimpiangendo i bei tempi di una volta.

Tutto è successo durante una puntata di Running Wild With Bear Grylls, un noto show televisivo britannico. Qui Courtney ha parlato per la prima volta dei suoi tentativi di rincorrere una giovinezza ormai perduta e di placare l’invecchiamento con la chirurgia. L’attrice ha utilizzato questa occasione anche per fare il punto della situazione su quanto avviene a Hollywood, un mondo illusorio che pretende una forma fisica perfetta e degli standard di bellezza che, alla fine, restano difficili da mantenere.

C’è molta pressione affinché si mantenga il proprio aspetto, non solo per la fama, ma anche per il fatto di essere una donna in questo campo”, ha dichiarato coraggiosamente la Cox, per poi esprimere il lapidario: “Invecchiare non è stato facilissimo”. Certo, ma non è facile nemmeno farlo davanti a milioni di telespettatori e ammettere i propri sbagli. Ed è analizzando questo aspetto che la figura di Courtney ne esce davvero vittoriosa perché è tornata a essere quella Monica che abbiamo sempre amato in Friends: una ragazza solare, divertente, che sa accettare anche i cambiamenti e che non ha paura di evidenziare i suoi errori.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE GABRIEL GARKO E ALTRI ORRORI DELLA CHIRURGIA ESTETICA: LE STAR PRIMA E DOPO [FOTO]

Però è innegabile che il suo viso si sia trasformato negli ultimi anni, tanto da darle quell’aspetto “plastificato” che i fan le hanno sempre contestato. Ma Courtney ha assicurato che quello della chirurgia è qualcosa che ora per lei ha poca importanza, non come alcune ferite interiori da cui è difficile emergere. Con il tempo “tutto si dissolve e va via“, ha dichiarato: un’ammissione che lascia intuire la sua voglia di non sottoporsi più al botulino, di restare quella di sempre dando spazio alle rughe e al tempo che passa. Perché ringiovanire utilizzando dei palliativi può essere un male e non un rimedio.

Per i nostalgici della Courtney “prima maniera” non resta che consolarsi rivedendola in un episodio di Friends oppure ammirandola nel videoclip della canzone Dancing In The Dark, del mitico Bruce Springsteen, dove fece il suo debutto negli ormai lontani anni Ottanta. E se adesso sembra che abbia deciso di darci un taglio, quello giusto, nei riguardi di bisturi e chirurghi, magari la Cox deciderà di puntare ancora sulla passione: la sua love story con Johnny McDaid, dopo una brusca interruzione avvenuta nel dicembre del 2016, potrebbe dar spazio a un piacevole ritorno di fiamma. Perché l’amore può essere una medicina capace di risolvere ogni disagio. Perfino quello estetico.

[Foto: wetpaint.com]