Farmaci: ecco come risparmiare fino al 50 %

Per restare in salute bisogna spendere? Ecco i consigli ed i trucchi da conoscere per risparmiare qualche euro e curarsi quando occorre

Oggi per curarsi si spende molto, anzi troppo. Grazie ai progressi della scienza e in parallelo alla diffusione di soluzioni fai da te c’è molta più attenzione a specifiche strade che possano anche far risparmiare sulle medicine e le cure in generale.

Secondo le associazioni dei consumatori si può risparmiare notevolmente (fino anche al 50%) con i farmaci bio-equivalenti (alias generici, ovvero con un comportamento nell’organismo del tutto simile a quelli originali) ed ecco perché è ancora in corso una campagna informativa dal titolo indicativo #IoEquivalgo (in collaborazione con Assogenerici) in tutta Italia contro la lotta agli sprechi anche nel settore farmaceutico, promossa da CittadinanzaAttiva, con tanto di app ioequiovalgo – disponibile per ambiente IOS e Android e realizzata da Farmadati – utile per avere i farmaci “di marca” ed i corrispettivi equivalenti che ci fanno risparmiare.

Si risparmia davvero? Ecco qualche esempio…
Bio-equivalente Paracetamolo Doc in compresse (al pari della Tachipirina da 1000mg) costa 1,30 euro in meno.
Bio-equivalente Paracetamolo My in sciroppo (flacone al posto della Tachipirina da 120ml) costa 2,50 euro in meno.
Bio-equivalente Numesulide (bustine da 100 mg del principio attivo del comune Aulin) costano in media 2,13 euro in meno.


Altri canali di vendita

Ma sono molte le strade che possono aiutare a non spendere più del dovuto in farmacia, anche grazie alla liberalizzazione dei prodotti da banco (ovvero quelli che non necessitano di prescrizione medica specifica).

  1. Utilizzo delle parafarmacie, ovvero rivendite di medicinali di prodotti da banco che propongono specifiche promozioni e sconti su particolari farmaci d’uso comune.
  2. Grande distribuzione, che assicura un 20%-25% di risparmio sul prezzo al pubblico dei più comuni farmaci nei corner dedicati.
  3. Farmaci su internet (purché i siti rivenditori abbiano il bollino di sicurezza obbligatorio): grazie alla rete si gioca sulla comodità e quantità, per avere infine un prezzo migliore sul mercato. Così, avere la scorta di medicinali d’uso comune sempre a portata di mano può incidere sulla spesa finale risparmiando mediamente fino al 15%.

[foto: Metropolisweb.it]