0 Shares 15 Views
00:00:00
15 Dec

L’inchiostro per tatuaggi è tossico! Allarme in Italia

Gianfranco Mingione - 25 marzo 2014
Gianfranco Mingione
25 marzo 2014
15 Views
tatuaggi

Le autorità sanitarie italiane e del mondo guardano con sospetto il pigmento per tatuaggi Eternal INK Bright Orange. Un sospetto che ha portato, nel caso del nostro Paese, alla messa al bando da parte del ministero della Salute del pigmento, considerato altamente pericoloso per la nostra salute. Il motivo risiede in alcune sostanze cancerogene che compongono l’inchiostro.

A dare l’allarme l’Azienda regionale protezione ambientale (Arpa) del Piemonte, dopo un’indagine svolta nel laboratori per tatuaggi. Nel corso dei controlli sono state scoperte le boccette contenenti l’inchiostro incriminato, realizzate negli Stati Uniti. Dall’analisi è emersa la presenza di “ammine aromatiche”, sostanze tossiche, ed in particolare è stata riscontrata la presenza di 2-4-Diamminotoluene.

Tatuaggi in sicurezza. È importante sapere che, quando si decide di fare un tatuaggio, oltre a scegliere il tatuatore per la sua bravura bisogna osservare anche il rispetto di regole basilari, come l’utilizzo di strumenti sterili. La postazione standard è composta da un lettino con carta monouso (va cambiata ad ogni tatuaggio), la macchinetta elettrica con l’ago per tatuare, anche questo monouso e contenuto in buste sterili (sono strumenti a contatto con la pelle e il sangue), guanti monouso per il tatuatore.

La parola tatuaggio, come riporta Wikipedia, deriva dal francese “tatouage”, a sua volta dal verbo “tatouer”, in italiano “tatuare”, e questo dal termine anglosassone “tattoo”, adattamento del samoano “tatau”. È una tecnica di decorazione pittorica corporale dell’uomo destinata a durare per molto tempo, sebbene oggi la medicina estetica abbia sviluppato nuovi metodi per rimuovere i tatuaggi. Insomma, se dopo anni ci si pente o si vuol togliere un tatuaggio che ricorda un amore o una persona che vogliamo dimenticare, si può sempre rimuoverlo. L’importante è prestare attenzione a chi ci si affida per realizzarlo affinché non ne risenta la nostra salute!

[foto: www.stetoscopio.net]

Loading...

Vi consigliamo anche