Nuovi farmaci contraffatti in Italia: ecco come riconoscerli

L'agenzia farmaceutica svizzera della Roche ha lanciato un nuovo allarme riguardante i farmaci contraffatti in Italia, ma ci svela tutti i segreti per riconoscerli

Da quando un comunicato dell’AIFA, l’Agenzia Italiana per il Farmaco, è stato reso pubblico sul sito ufficiale per avvertire l’Europa della possibile contraffazione di diversi tipi di farmaci, è letteralmente scattato il panico tra la popolazione e, soprattutto, tra le giovani mamme. Sì perché ormai le veterane si saranno amaramente abituate a questo genere di allarmi e, per esperienza, avranno imparato come comportarsi al meglio in queste evenienze.

Per chi non lo sapesse, però, ecco alcune linee guida, da seguire scrupolosamente, e alcuni semplici escamotages che vi saranno utili per smascherare subito un prodotto contraffatto e starne alla larga.

Come, giustamente, suggerisce Paolo Bertocchi, ricercatore del dipartimento del farmaco presso l’Istituto Superiore della Sanità, il metodo più efficace per rimanere sul sicuro consiste nell’acquistare i medicinali necessari in organi rigorosamente autorizzati, e cioè in farmacie e parafarmacie presenti sul territorio nazionale. Anche in questi casi, però, capita di ritrovarsi di fronte ad una confezione dall’aria sospetta, e allora che fare? Innanzitutto, fate bene attenzione alle dimensioni della scatola e del flaconcino: se vi sembreranno più grandi o più piccole di quelli che acquistavate in passato, molto probabilmente non è un buon segno.

Ancora, guardate i nomi: spesso nei farmaci contraffatti questi vengono storpiati ad arte per farli risultare “uguali” a quelli dei prodotti più famosi, mentre invece sono soltanto delle misere imitazioni dalla scialba efficacia. Per assicurarvi della loro veridicità, quindi, controllate la composizione del medicinale acquistato e confrontatela minuziosamente, a casa, con quella riportata sulla scatola del prodotto ormai finito.

Non è raro, infatti, che nei casi di contraffazione le etichette vengano preparate fornendo informazioni false o ingannevoli che riguardano soprattutto le quantità e le proprietà degli ingredienti contenuti nella formula. Agendo in questo modo è possibile scoprire farmaci senza principi attivi, con ingredienti diversi o con ingredienti uguali ma presenti in percentuali diverse, ed evitare di spendere soldi inutili.

Un altro grande indicatore della verità sarà per voi il foglietto illustrativo. Per un po’ di tempo sarà meglio sprecare qualche minuto per leggerlo, prima di assumere direttamente il contenuto del flaconcino come probabilmente facevate prima. Frequenti errori di ortografia e copiose sbavature di inchiostro tra le parole e sulle etichette della scatola potrebbero salvaguardarvi da seri pericoli. In ultimo, evitate di acquistare da Internet. Più di prima, in quest’ultimo periodo è altamente sconsigliato fare compere a distanza, e in special modo dall’estero, perché le foto e le informazioni riguardanti il farmaco potrebbero non essere veritiere. Prestate quindi la massima attenzione ai nuovi farmaci contraffatti in Italia.