Giornata Mondiale contro l’Aids 2011, eventi ed iniziative in tutta Italia

Oggi, 1 dicembre, si celebra la Giornata Mondiale contro l’Aids 2011 nel corso della quale, grazie ad iniziative di sensibilizzazione di vario tipo, si prova a sensibilizzare su un tema e una malattia che nel corso degli anni ha perso un po’ del suo appeal finendo in alcuni casi nel dimenticatoio.

Anlaids, Associazione Nazionale per lotta contro l’AIDS, lancia proprio in occasione della giornata odierna il progetto Anlaids Network grazie al quale 4 strutture ospedaliere italiane, l’Ospedale San Gerardo di Monza, l’Ospedale L. Sacco di Milano, l’niversità La Sapienza di Roma e l’I.N.M.I L. Spallanzani di Roma lavoreranno a stretto contatto con malati di Hiv e persone che vivono accanto ai malati per trovare il modo migliore per affrontare la malattia seguendo un protocollo standard e di cui saranno condivisi i risultati.

Per sostenere il progetto Anlaids Network si può effettuare una donazione sul conto corrente di BANCA PROSSIMA  – IBAN : IT06 F033 5901 6001 0000 0000 321 citando come causale progetto Anlaids Network oppure una donazione online usando carta di credito o Paypal direttamente dal sito di Anlaids.

Si possono inoltre donare 2 euro a favore della ricerca inviando un sms al 45501 o chiamando lo stesso numero da rete fissa fino al prossimo 21 dicembre.

Anche la Lila, la Lega Italiana per la Lotta contro l’Aids, ha lanciato il suo progetto chiamato "Aids. Proteggiti semplicemente" per esortare giovani e meno giovani ad usare sempre e comunque il preservativo, specialmente quando si fa sesso potenzialmente rischioso.

Secondo gli ultimi dati relativi all’Aids, nonostante se ne parli meno la malattia continua ad essere molto diffusa e sono soprattutto le donne quelle a subire gli effetti maggiori e ad accorgersi di aver contratto il virus in ritardo: si stima che in media gli uomini scoprono di essere malati a 39 anni e le donne a 35 anni ma ben il 40% di queste ultime lo scopre molto tardi rispetto a quando il virus è stato contratto rendendo l’effetto dei cosidetti antiretrovirali pressochè vano.

L’ultimo rapporto dell’Oms-Unicef-Unaids
parla comunque di un calo delle morti per Aids del 22% in cinque anni e una riduzione del 15% dei nuovi contagi negli ultimi dieci anni nonostante ActionAid Italia denunci che ben 15 milioni di persone avrebbero bisogno in tutto il mondo di farmaci antiretrovirali ma 8 milioni non rientrano nei piani terapeutici e vengono lasciati al loro destino.

Moltissime le iniziative a livello nazionale e locale per l’elenco delle quali vi rimandiamo sul sito di Anlaids e sul sito della Lila; come di consueto, il Red Ribbon resta il simbolo universale della lotta contro l’Aids.

Lo spot della Lila per Giornata Mondiale contro l’Aids 2011: