Pancia gonfia: da cosa è causata e come curarla?

È un disturbo caratterizzato dall’aumento di produzione di gas nel tubo digerente

Un disturbo caratterizzato dall’aumento dei gas nel tubo digerente. La pancia gonfia può essere legata a malattie o disturbi riguardanti l’apparato digerente. Questo disturbo è anche chiamato “meteorismo” ed è caratterizzato dall’aumento di produzione di gas all’interno del tubo digerente. Sovente è accompagnato da un aumento delle eruttazioni (emissioni di aria attraverso la bocca) e flatulenze (abbondante presenza di gas a livello intestinale).

Da cosa è causato? La pancia gonfia, o meteorismo, può essere un disturbo passeggero causato, ad esempio, dall’aver mangiato troppo o troppo velocemente un pasto. Ma può essere anche un sintomo di altri stati fisiologici tipici delle donne, come la sindrome premestruale e la menopausa. In casi più gravi può associarsi ed essere sintomo di patologie quali appendicite, cancro al colon e all’ovaio, calcoli, fibrosi cistica, intolleranze alimentari etc. etc. E’ bene ricordare che ogni persona produce quotidianamente grandi quantità di gas quindi può capitare a chiunque di soffrire di tale disturbo. Ciò è determinato dal fatto che i batteri che compongono la flora intestinale sono sempre al lavoro e producono gas.

Prevenire e curare la pancia gonfia. Se legato ad una dieta sbagliata o ad un pasto “pesante”, il meteorismo o pancia gonfia, solitamente, non crea grandi problemi e per farlo passare basta stare più attenti alla dieta e la regolarizzazione dell’attività intestinale. In farmacia ed in erboristeria si possono trovare prodotti in grado di riassorbire l’aria in eccesso. È importante porre l’accento sulla dieta alimentare di modo da prevenire e non far emergere un disturbo del genere. Ecco perché è utile mantenere in buone condizioni i microrganismi della flora batterica intestinale. Oltre all’alimentazione regolare, risultano utili un costante apporto di fermenti lattici e limitare il consumo di alimenti che favoriscono la produzione di gas (ad esempio i legumi). Altri fattori positivi per prevenire e curare tale disturbo sono una costante attività fisica e la limitazione dello stress. Se invece il disturbo non passa, è meglio contattare il proprio medico di fiducia, per valutare l’eventuale necessità del trattamento della causa originale.

Le indicazioni contenute in questo articolo non si sostituiscono al parere del proprio medico di base o di altri specialisti del settore.

(Immagine: esseresani.pianetadonna.it)