Capodanno al sole, ecco le mete per risparmiare

Tutti i siti per prenotare il proprio viaggio di capodanno verso destinazioni al caldo: spiagge ed isole da raggiungere senza spendere tanto

Festeggiare il 2015 in spiaggia può essere non solo originale ma anche conveniente.

A quanti preferiscono il sole per il prossimo Capodanno, il web offre molte chance per costruirsi pacchetti su misura prenotando in tempo.

Le destinazioni a medio raggio sono fra le più richieste e spesso sono proposte con un ottimo rapporto qualità/prezzo. Per la stagione sono proibitivi i Caraibi, ma ad esempio, alle Canarie si gode di ottime temperature e tariffe interessanti.
A Tenerife, il volo Ryanair a tratta parte da 55,99 euro tutto incluso e per la sistemazione, un appartamento per 4 persone con terrazza e vista mozzafiato a fine anno costa 330 euro a settimana su Wimdu. Considerate che secondo Tripadvisor poi, l’isola è la destinazione più economica dove noleggiare un’auto (per quattro persone la spesa media per una settimana è di 113 euro).

Tappa a Valencia? Collegata con voli low cost tutto l’anno, l’esperienza della città che vanta una vastissima spiaggia a pochi chilometri dal centro storico è da non perdere. Qui una camera singola in città in B&B parte da 34 euro a notte a fine anno su Trivago.it.

Mykonos, bella e conveniente in inverno

Mykonos, bella e conveniente in inverno

Vive una nuova rinascita poi Mykonos. L’isola mondana d’estate è conveniente in inverno, lasciando immutato il suo fascino per le sue spiagge. Volo da 277 euro su eDreams e 5 notti in hotel su Booking.com da 175 euro totali in camera doppia.

Su Kayakinvece, tra i voli meno costosi di Capodanno c’è quello a/r per Creta (da Roma a partire da 276 euro mentre, per la sistemazione, con Airbnb.com si affitta una stanza privata sulla costa di Agios Nikolaos a 29 euro a notte colazione inclusa, oppure si può non spendere nulla (né lì né altrove nel mondo) aderendo alla community di CouchSurfing.com: un ottimo modo per cominciare l’anno nuovo in viaggio.

[foto: Youtube / Wikipedia]