I luoghi FAI da visitare e salvare

Al via le Giornate di Primavera: ecco i luoghi della 23esima edizione dell'iniziativa del FAI per scoprire le meraviglie nascoste in Italia

Il 21 ed il 22 marzo torna puntuale l’appuntamento di sensibilizzazione che il Fondo Ambiente Italiano rilancia per la salvaguardia del patrimonio artistico e naturalistico italiano (solo per Napoli e le sue bellezze l’appuntamento è rimandato al 28-29 marzo). Nonostante il meteo che nel week end potrebbe graziare solo alcune regioni italiane, la mappa delle principali attrazioni conta un totale di 780 luoghi da visitare per la 23esima edizione della campagna FAI.

Ecco qui di seguito solo qualche esempio delle meraviglie che apriranno le loro porte al pubblico nelle principali città italiane per una visita ed un ingresso a contributo libero.

Roma – apertura di Palazzo Chigi sede del Governo della Repubblica, del palazzo del Foro Italico e degli studi televisivi RAI

Milano – apertura della Scuola Militare Teullè, la più antica delle istituzioni napoleoniche, l’Archivio Storico Ricordi, una delle più importanti raccolte musicali private del mondo e visite gratuite al Palazzo Pirelli (o Pirellone)

Venezia – apertura della Sala di San Domenico presso l’Ospedale civile dei SS Giovanni e Paolo

Trieste – apertura (ai soci e futuri iscritti) del Faro della Vittoria, alto 65 metri ed anche il noto Caffè San Marco

Cremona – apertura dei matronei della Cattedrale di Santa Maria Assunta con gli affreschi cinquecenteschi

Bari – apertura del Mosaico di Timoteo d il complesso di Santa Scolastica

Catania – apertura dei Bastioni degli infetti, del Palazzo Serravalle e delle Fontane dell’elefante

Firenze – apertura della Biblioteca Marucelliana e Villa Corsini a castello

Matera – apertura (dopo 15 anni di lavori di restauro) della Cattedrale della prossima città della cultura europea

Napoli – apertura della Biblioteca francescana, del Complesso della Real Casa dell’Annunziata e del Palazzo di San Teodoro

L’elenco completo di quanto sarà possibile visitare è sul sito Giornatefai.it.

[foto: Giornatefai.it]