Montalbano, viaggio nei luoghi della fiction

Sulle tracce dei luoghi della fiction di Montalbano: alla scoperta del ragusano e di bellezze uniche fra residenze, chiese e palazzi storici

Popolare ad amatissima, sin dal 1998 e trasmessa sulla prima rete TV nazionale, la fiction Il Commissario Montalbano. La storia di un commissariato nel profondo Sud fra folklore e attualità è tratta dall’omonima collana scritta dal neo 90enne Andrea Camilleri, scrittore arci-noto almeno tanto quanto il suo protagonista impegnato a risolvere casi della fantomatica provincia di Vigàta (luogo che richiama Licata, paesino situato invece nella zona agrigentina).

Il commissario Salvo è interpretato da Luca Zingaretti, l’attore italiano che dopo puntate e repliche TV girate nella zona del ragusano è ormai di casa nei luoghi in cui è vissuto il suo personaggio più famoso (al punto da aver scelto proprio questa zona per le sue nozze con Luisa Ranieri nel 2012 e per il relativo rinfresco).

E in effetti i centri storici in cui si dipanano le storie di Camilleri sono piccoli gioielli.
A cominciare da Vigàta che nella realtà è soprattutto sintesi di interni ed esterni di Ragusa Ibla, centro antico di Ragusa e su una collina rispetto al nucleo più recente della città. Si arrampicano su tale altura le viuzze ed i palazzi baroccheggianti, come anche perle del calibro del Duomo di San Giorgio (che appare anche nelle puntate Gita a Tindari e Il cane di terracotta) e come Santa Maria delle Scale, il cui ingresso è un vero capolavoro scenografico (Il ladro di merendine). Nei dintorni poi, il Castello di Donnafugata che sul set diventa la reggia blindata del capomafia Don Balduccio Sinagra.

La scalinata su Ragusa di S. Maria delle Scale - Foto F.lli Blancato

La scalinata su Ragusa di S. Maria delle Scale – Foto F.lli Blancato

 Molti esterni sui litorali riprendono Marina di Ragusa, lungo la sua costa fra le più belle della zona mentre per l’incredibile appetito di Salvo, la trattoria da Calogero (che poi chiude, ma solo sul set) è a Ragusa, mentre il commissario è di casa per i suoi pranzi a base di pesce da Enzo, come nella realtà è possibile fare a Il gabbiano di Scoglitti, punto ristoro letteralmente sulla spiaggia.

A Ragusa, da Calogero dove Montalbano pranza spesso con Augello

A Ragusa, da Calogero dove Montalbano pranza spesso con Augello – Foto: A. Tereo

E la scrivania del commissario? L’ufficio del Sindaco di Scicli è sul piccolo schermo proprio il luogo di lavoro di Salvo, con la scrivania e gli arredi solo in parte originali. Altre stanze dello stesso piccolo edificio del Municipio sono state utili per varie scene (specie quando Montalbano si reca alla Questura di Montelusa), oltre a prestare la facciata al commissariato nelle prime puntate, dove lo stesso Salvo parcheggia la sua Fiat Tipo per intenderci. Solo nelle ultime la location cambia con quella in piazza Pola a Ragusa Ibla, dove si vede la facciata del Municipio locale.

La casa a Marinella, con la sua panoramica terrazza

La casa a Marinella, con la sua panoramica terrazza – Foto: A.Tereo

Non ultima la casa a Marinella. Non lontano da Punta Secca, il luogo più intimo del commissario mantiene lo stesso nome anche nella realtà, set ideale per la panoramica casa del Commissario. Chi non ha sognato almeno una volta di affacciarsi su quella splendida terrazza? Altri centri turistici risollevati dalla notorietà della fiction sono proprio Punta Secca e Marinella, con una residenza che nella realtà è un appartamento privato (ora B&B quotatissimo ma dai prezzi modici, da 45 euro a notte) seppur di forma davvero irregolare e a due passi da celebre faro di Marinella, non ufficialmente visitabile ma senz’altro affascinante e che volge lo sguardo su una splendida costa.

Il faro di Marinella e la casa di Montalbano sulla spiaggia

Il faro di Marinella e, al centro in lontanaza, la casa di Montalbano sulla spiaggia – Foto: A. Tereo

Per andare sulle tracce di Montalbano, basta raggiungere l’aeroporto di Catania (a 1 ora e mezza d’auto da Ragusa) con Easyjet a partire da 30,59 euro da Milano o da Napoli,oppure con Ryanair all’aeroporto di Comiso, a pochissimi chilometri da Scicli, Ragusa e Ragusa Ibla, si vola da Roma Fiumicino, Pisa e – novità- dall’1 dicembre prossimo da Milano Malpensa. I posti partono da 19,79 euro a persona tasse incluse.

[foto: Tvzap.kataweb.it]