Viaggi: paradisi fra lusso e hi-tech, dove sono e quanto costano

Per chi non riesce a farne a meno, ecco solo gli ultimi hotel che al lusso abbinano alta tecnologia: tre modi per essere hi-tech in vacanza

Una fuga da tutto, meno che dalla tecnologia. Se volete immergervi in un viaggio da sogno su un’isola o un estremo lido che possa però darvi tutte le ultime trovate hi-tech (di cui non riuscite a fare a meno), potreste ormai avere l’imbarazzo della scelta. Esistono hotel tra i più evoluti in fatto di grandi innovazioni tecnologiche, in ogni angolo del mondo. Ecco tre casi quindi per sognare o per fare qualche esempio più recente.

Potreste trovarvi dalla parte opposta dello stesso emisfero, proprio nella striscia di isolotti che fronteggiano la regione autonoma di Hong Kong e scoprire – come nell’Island Pacific Hotel – che nella prenotazione di almeno 3 notti, oltre ad una lussuosa camera (eppur da 137 euro a notte) è inclusa una SIM Card capace di interagire con qualsiasi smartphone e garantire 5 giorni di telefonate illimitate oltre all’uso di WiFi, adatto anche a chiamate locali (una promozione in lancio proprio nel mese di giugno).

Hi-tech relax nel Constance Lemuria a Praslin, nelle Seychelles

Tecnologia ma anche relax al Constance Lemuria di Praslin, nell’arcipelago delle Seychelles

Felicemente perduto nell’arcipelago incantato delle Seychelles, invece, il Constance Lemuria sull’isola di Praslin (da 550 euro a notte in junior suite doppia e formula B&B a giugno) non si accontenta di dare il servizio wifi gratuito ovunque, ma offre ai suoi ospiti un Mini Mac con l’app Press Reader per avere un tablet a propria disposizione con tutte le news aggiornate e nella propria lingua madre e, novità di rilievo pronta nelle prossime settimane, un music pillow a richiesta, da connettere ad un apposito lettore Mp3, per quanti vogliono ascoltare la musica a letto ma senza disturbare il partner.

Come Hilton, anche il gruppo alberghiero Starwood – da meno di un anno e solo in 10 hotel al mondo – ha introdotto l’uso di app che permettono al cliente di aprire la propria camera avvicinando il proprio smartphone, così come di smaltire autonomamente il suo check-in in hotel già 24 ore prima dell’arrivo. Un brand che ne fa parte? The Westin. In quello della città stato di Singapore basterà solo il device del cliente per entrare in camera (da 200 euro a notte in doppia standard) per immergersi nell’infinity pool del 35esimo piano, su uno skyline mozzafiato.

 

 

[foto: Computerworld.com / Constancehotels.com]