Viaggi su misura, contro gli standard nasce Evaneos.it

Nasce un sito per costruire il proprio viaggio su misura in modo autonomo e direttamente con gli operatori locali, risparmiando fino al 20%

Viaggiatore autonomo ed informato.

Questo l’identikit del turista moderno, nell’era dei social e delle rivoluzioni sul mercato turistico. Un profilo attento prima di partire, che legge recensioni – mediamente da 5 a 12 – sugli hotel prima di prenotare il proprio e sicuramente abituato a condividere i feedback ad uso di altri, consapevoli viaggiatori.

In un quadro così evoluto di chi fa del viaggio un’esperienza senz’altro coscienziosa, non mancano i primi segnali di risposta da parte di chi offre servizi nuovi, basati proprio su tali scelte di confronto e fuori dagli schemi tradizionali. Un esempio, il primo del genere in Italia, è Evaneos.it. La società francese debutta ora in Italia e nasce dall’idea di un informatico, Yvan Wibauxed ed un esperto viaggiatore, Eric La Bonnardière, inaugurando così quello che oggi è il quinto mercato, dopo Germania, Regno Unito, Francia e Spagna.

Evaneos.it

Evaneos.it

Principio? Offrire una rete di operatori turistici locali a portata di click, da tutto il mondo, garantita, 24h su 24 ed esperta – evidentemente – sulla destinazione. Una rivoluzione per il mercato turistico e, nello stesso tempo, un passo avanti. L’utente elabora così un progetto di viaggio e le opzioni arrivano direttamente dagli operatori locali, per decidere ed approcciarsi al prodotto turistico più adatto e sempre personalizzabile.

Vantaggi per l’utente? Sulla base delle proposte di esperti collaboratori in loco che conoscono i gusti italiani (e in alcuni casi anche la lingua italiana), si è così in grado di definire, in modo diverso e libero, un itinerario di viaggio anche insolito, secondo i propri interessi, scegliendo ed ordinando le esperienze a piacimento e anche risparmiando.

Non si tratta di viaggi lastminute ma di quelli che comportano una pianificazione assolutamente su misura, dove deve essere garantita la massima personalizzazione oltre alla qualità e l’esperienza di chi è sul posto, proponendo un prezzo mediamente inferiore rispetto ai canali tradizionali (a conti fatti, in certi casi del 20%) poiché si saltano intermediari. E nell’era dei social, l’esperienza si confronta poi al ritorno direttamente su Twitter o altri canali: autenticamente, la propria testimonianza è così utile ad altri viaggiatori in partenza.

Un taglio col passato e che sicuramente offre alla strategia del viaggiatore contemporaneo lo strumento finora mancante.  La piattaforma è nuova, la proposta audace e, finora, unica…
I nuovi globetrotter 3.0 sono avvisati.

[foto: Antonella Tereo / Evaneos.it]