0 Shares 12 Views
00:00:00
18 Dec

Cloak: l’app che rende invisibili

Michela Fiori - 19 marzo 2014
Michela Fiori
19 marzo 2014
12 Views
cloak app

Cloak potrebbe essere definita l’app che ribalta il principio dei social network. Quello che promette è tutto rinchiuso nella frase con cui si presenta: “Evita i tuoi ex, i colleghi, quel tipo che adora fermarti per due chiacchiere, evita chiunque tu non abbia voglia di incontrare”. Cloak, o mantello (tradotto dall’inglese) permette di proteggerci da eventuali scocciatori o semplicemente da persone che proprio non abbiamo voglia di incontrare, e lo fa rendondoci “invisibili”. Il prodigio non è determinato da una strana magia ma dalla stessa tecnologia che sta alla base del funzionamento del nostro smartphone. Per renderci invisibili a eventuali seccatori l’app sfrutta la geolocalizzazione e i programmi utilizzati per far conoscere la propria posizione nello spazio.

Sfruttando questi sistemi, Cloak riesce a segnalare sulla mappa chi e quando si trova vicino a noi. Per fare un esempio pratico, se un amico fa un check-in su Foursquare in un luogo vicino a noi, l’app ci segnalerà la sua presenza e noi potremo scegliere se “rischiare” di incontrarlo o no. La segnalazione rimane sulla mappa per 4 ore, il tempo minimo ritenuto necessario per decidere di allontanarsi da un posto. Oltre a intercettare il segnale Gps dei nostri amici e a tenere sotto controllo quello che fanno su Foursquare, Cloak pensa anche a monitorare Instagram intercettando eventuali tag che segnalano la presenza di un nostro amico vicino al luogo in cui ci troviamo. Per il momento dal monitoraggio è escluso il re dei social network, gli sviluppatori però promettono l’arrivo di una versione aggiornata in grado di intercettare la presenza anche degli amici non amici presenti su Facebook.

Cloak è disponibile al momento solo per iPhone e per tutti i dispositivi iOS.

Loading...

Vi consigliamo anche