App spy app dgmag

Le 10 app spia su iPhone e Android

Vi sentite impelagati in una pericolosa spy story con la vostra dolce metà come il buon vecchio James Bond e non riuscite ad uscirne fuori? Ecco per voi dieci app che permettono di monitorare altri telefoni. Ma fate attenzione: può essere un reato.

L’ultima app che è arrivata sugli store Apple e Google si chiama mCouple e introduce, oltre a ferrei quesiti morali, la possibilità di poter monitorare per intero le attività del cellulare del vostro partner. Il funzionamento della app è semplice quanto inquietante. Bisognerà, infatti, installare la medesima app su due telefoni ben distinti e inserire su ognuno di essi il codice generato univocamente dall’altro. Così facendo, i due telefonini saranno “collegati” tra loro e tutte le attività di uno potranno essere visualizzate sull’altro e viceversa. Ovviamente, sarà possibile decidere se il telefono a trasmettere i dati sia uno solo verso l’altro e non entrambi. A tutti gli aspiranti James Bond affetti da crisi maniache di gelosia, state attenti poiché se il partner non è a conoscenza dell’uso, esplicito o implicito, di tale applicazione si può rischiare di violare la privacy del partner e dunque essere fautori di un reato giuridico.

Che la privacy sia stata messa a rischio con l’inserimento sul mercato degli attuali mezzi di comunicazione, questo è poco ma sicuro. Ciò che appare strano, invece, è di come questo fatto si cerchi di mascherarlo fino alla fine, come se fosse qualcosa di socialmente accettato salvo qualche sporadico caso. Ciò è dimostrato dal fatto che mCouple si trovi sotto la sezione Produttività nel market di Android e addirittura nella sezione Social Network per Apple Store. Tralasciando qualsiasi dibattito morale sul fatto di spiare o dell’essere spiati, vi lascio con l’elenco delle app più famose presenti nei vari market con il quale è possibile divertirsi a fare il James Bond del momento. Ma state attenti: nei film di Bond, il diritto di privacy non è mai stato citato neanche una volta.

iSafe Spy. App per iPhone, scatta una foto al volto di chi, per due volte di fila, ha provato a sbloccare il vostro iPhone senza riuscirvi. Gratis su Apple Store.

Spy Message. Una app che permette di non far salvare il messaggio che si invia ad un’altra persona. Una volta ricevuto, il messaggio sarà leggibile ma scomparirà da solo tempo dopo e non potrà più essere recuperato. Gratis su Google Play.

GPS location Tracker e Cell Tracker. Disponibile il primo su Apple ed il secondo su Android, queste due app permettono di vedere gli spostamenti che un determinato telefono fa durante la giornata a patto che abbia i servizi di Localizzazione attivi. Prezzo o,89 euro.

Agente Segreto. Più una fake app che una vera app di spionaggio, ma se utilizzata con gli amici può fare la sua porca figura. Al suo interno, un localizzatore GPS, uno scanner Wi-Fi, una bussola ed un analizzatore di suoni ambientali. Gratis su Android.

Ear Spy. Permette di lasciare il telefonino con lo schermo spento mentre invia tramite Bluetooth l’audio che intercetta direttamente ad un auricolare (anch’esso Bluetooth) selezionato anche a metri di distanza. Gratis, su Google Play.

Security Cam. Questa è forse l’unica app utilizzata per davvero da chi di professione fa l’investigatore privato. E’ possibile lasciare l’iPhone con lo schermo spento in un determinato punto e nel momento in cui la fotocamera del telefono registra un movimento davanti ad essa, comincia a registrare. Sempre a schermo spento, ovviamente. Su Apple Store si trova a 8,99 euro.

mSpy. E’ questa la app più potente sul mercato la quale ha destato diversi dibattiti per quello che riguarda la privacy moderna. Il suo utilizzo è davvero vasto: dal controllo delle chiamate, alla posizione geografica, fino all’analisi delle parole scritte sulla tastiera. Il suo utilizzo senza il consenso della persona che si sta spiando, è reato penale. Disponibile su Android e Apple Store con abbonamenti mensili a partire da 39,00 euro mensili.

mCouple. Ne abbiamo parlato già nell’articolo e non c’è null’altro da dire se non il fatto che è stata sviluppata, a detta degli ideatori, per monitorare i figli minorenni. Per IOS e Android, è gratis.

Cell Tracker. Forse la app meno invasiva e più utile. Progettata per sviluppi aziendali, come nel caso di aziende di trasposrti, è possibile monitorare, gestire e direzionare i dispositivi ad essi collegati che appariraranno sulla mappa in ogni loro movimento. Per Android è gratis.

Children Tracker. L’app creata per monitorare i telefoni dei propri figli, permette di visualizzare chiamate in entrata ed in uscita, messaggi, utilizzo dei social networ e permette pure la localizzazione. Attraverso speciali comandi, sarà possibile nasconderla dal menù del telefono di vostro figlio. Gratis per Android.