0 Shares 17 Views
00:00:00
11 Dec

Line Whoscall: l’app che identifica i numeri anonimi

Michela Fiori
14 gennaio 2014
17 Views

Vi è mai capitato di aver ricevuto telefonate da numeri anonimi? Se la risposta è sì e volete scoprire chi vi importuna a tutte le ore della giornata potete usare Whoscall, un’app che vi permette di identificare il numero in entrata.

Vincitrice del Google ‘Best Apps of 2013’, Whoscall è disponibile per Line, la piattaforma di instant messaging che conta ad oggi 330 milioni di utenti in tutto il mondo.

Line Whoscall protegge dai contatti indesiderati e identifica i numeri sconosciuti tramite l’accesso a un database di oltre 600 milioni di numeri telefonici su scala mondiale. Nella rubrica sono presenti anche aziende e negozi, provenienti da Pagine Gialle e altre risorse pubbliche di dati, per individuare e visualizzare automaticamente l’origine di chiamate e messaggi in arrivo.

La versione lanciata da Line è gratuita e disponibile al momento per i device con sistema operativo Android.

La gestione della rubrica e il filtraggio delle chiamate è sviluppata dalla società di servizi identificativi degli utenti Gogolook Co.

Line Whoscall dispone di un’interfaccia rielaborata per gli utenti e permette ai dispositivi Android di identificare chiamate e messaggi in entrata, consentendo di ignorare quelli indesiderati.

“I numeri di telefono presenti sui dispositivi mobili – specifica una nota della società – non verranno raccolti dal servizio. L’applicazione non include l’autenticazione sull’account Line. Per questo motivo, i messaggi e le chiamate ricevute all’interno della app Line non saranno vincolate al filtro realizzato con Line Whoscall”.

L’applicazione, disponibile su scala mondiale per tutti gli smartphone Android supporta quattro lingue: inglese, cinese (semplificato e tradizionale), coreano e giapponese.

Ad oggi Line Whoscall è stata scaricata più di 5 milioni di volte in tutto il mondo, ed è stata selezionata per il Google Best Innovation Award del 2013 in otto mercati, tra cui Taiwan, Hong Kong, Indonesia e Malesia.

 

 

Vi consigliamo anche