0 Shares 125 Views
00:00:00
24 May

Catania: massacrate due donne

Emanuele Calderone - 14 dicembre 2017
Emanuele Calderone
14 dicembre 2017
125 Views
Catania. Massacrate due donne

Le signore Lucia e Filippa Mogavero, rispettivamente di 70 e 79 anni, sono state ritrovate massacrate nella loro abitazione a Ramacca, nella provincia di Catania. Gli inquirenti, pur non essendo certi del movente, stanno valutando l’ipotesi che si sia trattato di una rapina.

A rinvenire i corpi delle due donne in una pozza di sangue è stata una terza sorella, un’insegnante, che al momento dell’uccisione si trovava, per sua fortuna, a lavoro. Sui copri delle signore Lucia e Filippa sono stati rivenuti i segni di numerose coltellate.

Giovanni Mogavero, fratello delle due donne, ha dichiarato in seguito a quanto accaduto “Sono stati dei mostri, certamente, per fare una cosa del genere: sono entrati e hanno fatto tutto quello che dovevano fare. E io non so il perché. La mia esperienza di investigatore la tengo per me”.

Giuseppe Verzera, procuratore di Caltagirone, ha invece detto “è l’ennesimo massacro che si registra nel Calatino, sono già sette gli omicidi registrati. Alcuni dei quali molto efferati. Lavoriamo in condizioni molto difficili. La scena del delitto è raccapricciante. Donne picchiate e colpite con arma da taglio. Bisogna fermare questo massacro. Noi e le forze dell’ordine siamo impegnati al massimo con i problemi di organico e anche legati al territorio e alla criminalità presente”.

Si è unito al dolore dei familiari anche il sindaco della cittadina. Il politico ha dichiarato “Siamo una comunità di 10 mila persone e ci conosciamo tutti, il nostro non è un paese che ha la violenza nel suo Dna. Le vittime erano due anime pie, due persone veramente per bene, tutte casa e chiesa”.

Un delitto il cui movente, dunque, deve ancora essere compreso. Intanto, i carabinieri di Catania hanno fermato un 30enne con precedenti penali accusato di duplice omicidio aggravato. Incastrato dai filmati delle telecamere. Si tratta di un uomo della zona, che ora è nel carcere di Caltagirone.

[fonti articolo: tgcom24.mediaset.it, lasicilia.it, repubblica.it]

[foto: www.tgcom24.mediaset.it]

Loading...

Vi consigliamo anche