2 Shares 144 Views
00:00:00
19 Feb

“Fake news” 2017: le dieci bufale più assurde diffuse sui social network

La Redazione - 27 dicembre 2017
La Redazione
27 dicembre 2017
2 Shares 144 Views
La musulmana di Westminster

Non solo in Italia ma anche nel resto del mondo le “fake news” hanno la capacità di diffondersi a macchia d’olio grazie ai social network. Si tratta di notizie assurde e false che però hanno la tendenza a divenire “reali”, come le dieci bufale che vi proponiamo in questo articolo.

1. Donald Trump e le  presunte aggressioni a un ragazzino

Donald Trump non poteva mancare in questa lista. Questa volta, però, è una vittima delle “fake news”: qualche mese fa, infatti, si erano diffusi sul web una serie di video che lui stesso avrebbe condiviso su Twitter e che riguardano delle presunte aggressioni a un ragazzino olandese da parte di un musulmano. Il Presidente non ha mai twittato nessun video del genere

2. Donald Trump e l’attentato in Svezia

Donald Trump è stato protagonista di un’altra bufala, diffusa durante un suo comizio in Florida. Secondo alcuni siti Internet in quell’occasione Trump avrebbe comunicato la notizia di un attentato in Svezia, ma anche in questo caso si è trattato di un falso.

3. La musulmana di Westminster

Sempre in ambito politico una delle “fake news” più note del 2017 è quella che riguarda la “musulmana di Westminster”. Dopo l’attentato che lo scorso 22 marzo ha colpito Londra, questa donna sarebbe stata fotografata “accanto alle vittime mentre, con aria di indifferenza totale, rispondeva al suo telefono”. Una bufala creata ad hoc per destabilizzare l’ambiente musulmano.

4. L’attentatore della strage di Las Vegas 

La strage di Las Vegas avvenuta negli States lo scorso ottobre pure ha generato una lunga serie di “fake news” che si sono diffuse su Facebook. Soprattutto in merito all’attentatore, Stephen Paddock, e a una sua presunta appartenenza all’Isis, notizia falsa e del tutto inventata.

5. Gli ambulanti della Rambla e l’attentato terroristico

Spostandoci in Spagna, cosa dire degli ambulanti della Rambla, luogo in cui è avvenuto un altro attentato terroristico, che sarebbero sfuggiti alla strage perché “informati dei fatti”? In realtà la loro assenza era dovuta a una serie di politiche restrittive volute dal governo.

6. Il  fenomeno del “Blue Whale”

Una delle bufale più gettonate nel 2017 riguarda il cosiddetto fenomeno del “Blue Whale”. Se ne sono occupati “Le Iene”, realizzando vari servizi in merito a questi suicidi di giovani che, in realtà, non sono mai avvenuti.

7. Laura Boldrini e Maria Elena Boschi

Laura Boldrini è vittima di ben due “fake news”: la prima riguarda lei e Maria Elena Boschi, “colpevoli” di aver partecipato ai funerali di Totò Riina. Una bufala, certo.

8. Lucia Boldrini e le comunità pro migranti

La Boldrini in questo 2017 è stata protagonista di un’altra notizia falsa, o meglio, sua sorella Lucia che, secondo alcuni siti, avrebbe in passato gestito delle comunità pro migranti.

9.  La bambina di nove anni che avrebbe dovuto sposare un musulmano

E cosa dire della bambina di nove anni che, nella città di Padova, avrebbe dovuto sposare un musulmano? Un altra falsità.

10. Il Prosecco danneggerebbe i denti

Lo stesso succede con la notizia che riguarda il Prosecco. Secondo il “Guardian”, infatti, questo celebre vino italiano danneggerebbe i denti, ma si tratta di una bufala smentita da ogni ricerca scientifica. Insomma, l’ennesima “fake news” diffusa in quest’ultimo scorcio di 2017.

[Foto: okdiario.com]

Loading...

Vi consigliamo anche