0 Shares 58 Views
00:00:00
17 Jan

Catalogna, scaduto ultimatum di Madrid. Puigdemont: “la Catalogna sarà una Repubblica indipendente”

La Redazione - 19 ottobre 2017
La Redazione
19 ottobre 2017
58 Views
Catalogna, scaduto ultimatum di Madrid

È uno scambio di missive che fornisce le informazioni sul dialogo tra Carles Puigdemont, presidente della Generalitat della Catalogna e Mariano Rayoy, premier spagnolo. Il primo chiarisce che verrà dichiarata l’indipendenza della regione catalana se il premier si rifiuta di dare le dovute risposte e se Madrida applicherà l’art. 155 della Costituzione nominando un commissario per il governo catalano.

 

Sabato si terrà il voto dell’esecutivo per approvare tale articolo e per ripristinare così l’ordine in Catalogna, soprattutto dolo gli scontri avvenuti lo scorso primo ottobre. La delibera è stata annunciata dal capo dell’esecutivo Mendez de Vigo. Nella lettera di Puigdemont emerge la richiesta di revocare la sospensione della dichiarazione di indipendenza nel caso lo stato dovesse applicare l’art. 155. Tale dichiarazione è emersa da una riunione della direzione del partito. Secondo quanto riportato dal quotidiano catalano La Vanguardia nella lettera del presidente della Catalogna si insiste sulla possibilità di instaurare un dialogo produttivo, senza minacce o soprusi, lamentando il fatto che il governo centrale abbia usato un pugno di ferro contro le aspirazioni indipendentiste della Catalogna. Attivare l’art. 155 porterebbe ad una dichiarazione di indipendenza. Il 10 ottobre era stata dichiarata l’indipendenza e successivamente era stata sospesa. Puigdemont afferma che nonostante tutti gli sforzi di dialogare con il governo centrale, Madrid intende sospendere la sua autonomia.

 

Grande scontento per i catalani che vorrebbero un processo di indipendenza più pacifico e soprattutto meno ostacolato dal governo centrale. Dall’altra parte invece gli spagnoli considerano l’operato della Catalogna come un vero e proprio colpo di stato, dove la volontà di pochi indipendentisti potrebbero creare gravi rotture. Il governo centrale, prima di applicare l’art. 155 chiederà un consulto con PSOE e Ciudadanos e vuole contare sulla maggioranza assoluta del Senato e del Congresso. Sono questi i movimenti del governo, spiegato dalla vicepresidente Soraya Sanchez de Santamaria rispondendo alla ‘question times’ del congresso. Mancano solo 24 ore per la seconda scadenza rivolta al presidente della Generalitat. Rivera, il leader di Ciudadanos ha proposto di restituire alla Catalogna la sua autonomia che è stata fino ad adesso sospesa. Sabato si saprà quali saranno le sorti della Catalogna. Intanto in questa regione continuano gli scontri con le forze dell’ordine, le proteste in piazza e le manifestazioni civili per ottenere l’indipendenza.

 

[Foto: www.lindro.it]

Loading...

Vi consigliamo anche