12 Shares 128 Views
00:00:00
19 Feb

Miss Israele e Miss Iraq: il selfie della discordia

La Redazione - 18 dicembre 2017
La Redazione
18 dicembre 2017
12 Shares 128 Views
Selfie Miss Israele e Miss Iraq

Può una semplice foto con due belle ragazze sorridenti e in posa scatenare l’ira di un gruppo di folli con conseguenti minacce di morte? E’ il caso del selfie che Adar Gandelsman e Sarah Idan, rispettivamente Miss Israele e Miss Iraq.

Una foto in cui le ragazze hanno messo in evidenza non solo la loro bellezza, ma anche le fasce onorifiche che hanno esposto a Las Vegas durante una kermesse importante come Miss Universo. Di certo non potevano immaginare le ripercussioni che il loro gesto ha avuto in Iraq, e le minacce di morte che la giovane Sarah ha ricevuto.

A raccontare questo episodio è stata la Gandelsman durante un’intervista che ha concesso a una televisione israeliana. La giovane ha spiegato che la foto in questione ha causato degli enormi problemi alla sua amica Sarah, che oltre alle minacce di morte ha ricevuto anche l’ordine di rinunciare al suo titolo di Miss Iraq.

Anche la Idan ha rilasciato alcune dichiarazioni in merito, rivelando che la sua famiglia ha dovuto abbandonare il Paese rifugiandosi in uno Stato amico. La bella Miss Iraq, quasi in lacrime, ha comunque raccontato che il messaggio di un selfie del genere rimane intatto e che lei e Adar hanno voluto, con una foto, simboleggiare un’unione tra due popoli in conflitto da anni come israeliani e palestinesi.

Infatti, nello scatto postato dalle ragazze su Instagram, è inequivocabile la didascalia che l’ha accompagnato: “Peace and Love from Miss Iraq e Miss Israel”. Un vero e proprio messaggio di fratellanza per una foto che ha ricevuto i consensi da parte delle istituzioni di tutto il mondo e migliaia di like.

Purtroppo non è la prima volta che in alcuni Paesi arabi si registrino episodi di questo genere. La famiglia di Sarah, infatti, ha dovuto far perdere le proprie tracce, rifugiandosi probabilmente da amici e parenti. Perché in Iraq, nonostante la fine del regime di Saddam Hussein, il fondamentalismo è ancora molto forte.

Artisti, cantanti, pensatori iracheni devono purtroppo confrontarsi con l’odio che questo Paese cova nei confronti dell’Occidente e di tutto quello che riguarda la nostra cultura. Perché a infastidire i fondamentalisti non è stato solo il selfie che la Idan ha pubblicato con Miss Israele, ma anche le sue foto in bikini ritenute poco edificanti per la loro cultura.

Insomma, si tratta della solita mentalità retrograda che queste comunità hanno nei confronti della donna. Ma il messaggio che Sarah e Adar hanno lanciato non deve passare assolutamente inosservato: la via della pace è sempre auspicabile, anzi, l’unica possibile.

[Foto: www.bbc.com]

Loading...

Vi consigliamo anche