0 Shares 87 Views
00:00:00
23 Apr

Poroshenko propone di aumentare il volume di gas in transito per l’Ucraina

La Redazione - 10 aprile 2018
La Redazione
10 aprile 2018
87 Views
Poroshenko

Nuove questioni sul fronte politico tra Russia e Ucraina. Infatti il presidente Petro Poroshenko, ha fatto delle dichiarazioni che hanno fatto il giro del mondo. Infatti proprio al quotidiano tedesco Handelsblatt ha rilasciato un’intervista nel quale spiega perchè è una cattiva idea quella di abbandonare il gasdotto che passa per l’Ucraina, a vantaggio del Nord Stream 2. Quello adoperato per ora è molto più economico e potrebbe essere modernizzato ed ampliato in maniera più semplice e conveniente, senza dovere ricorrere ad ingenti investimenti. Il nuovo progetto, tanto acclamato da Putin, avrebbe soltanto il vantaggio di bypassare l’Ucraina. Ecco allora che il presidente Ucraino ha chiesto l’aiuto dei politici europei invitandoli a prendere una posizione in questa decisione.

Il progetto del gasdotto Nord Stream 2 potrebbe contenere 55 miliardi di metri cubi annui, che collega Russia e Germania passando dal Mar blatico. Si tratta di un progetto molto importante e soprattutto che comporta numerosi costi. La società che dovrà costruire il gasdotto ha già ricevuto i permessi per quanto riguarda i lavori che dovranno essere effettuati nelle acque territoriali tedesche. Mancano ancora le autorizzaioni di alcuni paesi come la Finlandia, la Danimarca e la Svezia. Ecco allora che le parole del presidente ucraino sono state quelle di non concedere i permessi. Si è scagliato in particolarmodo contro la Germania della Merkel che si è difesa giustificando il consenso solo per quanto riguarda l’aspetto economico vantaggioso. Il presidente Poroshenko ha inoltre accusato la Russia di essere un partner economico inaffidabile sul fronte della distribuzione del gas. L’azienda che gestisce il gasdotto anni fa ha interrotto la distribuzione in Ucraina causando gravi danni che non sono stati mai risarciti. Non sarà modificata nemmeno l’offerta perchè il gas verrà comunque preso dalla stessa fonte, ma seguirà una rotta diversa. Questa questione potrebbe scatenare una crisi come quella del 2006.

[Foto: it.sputniknews.com]

Loading...

Vi consigliamo anche