0 Shares 410 Views
00:00:00
18 Jun

Terremoto: forte scossa scuote l’Iraq

Emanuele Calderone - 13 novembre 2017
Emanuele Calderone
13 novembre 2017
410 Views
Terremoto. Forte scossa scuote l'Iraq

E’ stata una vera e propria strage guidata dalla mano della natura: il 12 Novembre, alle ore 21 italiane, una fortissima scossa di terremoto di magnitudo 7.2 ha scosso un’estesa area tra Iraq e Iran. L’intenso terremoto ha gettato nel panico gli abitanti di molte città: il centro maggiormente colpito dal sisma è Ghasr-e Shirin, in Iran. Oltre 300 persone hanno perso la vita e 2500 sono rimaste ferite.

La terra ha tremato sino a Baghdad, dove dopo il primo sisma c’è stata una fortissima scossa di assestamento del 4 livello della scala Richter: molte persone, stando a quanto dichiarato dalle forze dell’ordine, sarebbero rimaste intrappolate sotto i detriti e le macerie, per tanto si crede che il numero delle vittime possa crescere già a partire dalle prossime ore. In molti centri abitati, sia in Iran che in Iraq, non ci sono acqua e corrente.

L’intensità della scossa si è sentita non solo nei due paesi già citati: testimoni hanno affermato che la terra ha tremato a Dubai ma anche in Israle, Kwait, Libano e Turchia.

La situazione, che si fa sempre più drammatica, è monitorata costantemente dall’organizzazione nazionale per la gestione dei disastri.

La scossa è stata ripresa anche in diretta, durante un telegiornale: dalle immagini si è potuto vedere come le telecamere abbiano tremato fortemente, prima che il collegamento venisse interrotto.

C’è solamente da sperare che i soccorsi riescano a fare il loro lavoro in maniera tempestiva, senza che incontrino impedimenti di alcuna sorta. In situazioni del genere, il tempo gioca sempre un ruolo primario: solo con azioni di soccorso rapide si potranno salvare più vite possibili in una zona che, negli ultimi anni, ha già dovuto fare i conti con tante, troppe guerre.

[fonti articolo: tgcom24.mediaset.it, lastampa.it, repubblica.it]

[foto: www.laregione.ch]

Loading...

Vi consigliamo anche