0 Shares 218 Views
00:00:00
25 Jun

Roma: arriva la condanna in appello per l’ex sindaco Marino

Emanuele Calderone - 12 gennaio 2018
Emanuele Calderone
12 gennaio 2018
218 Views
Marino condannato a due anni

L’ex sindaco di Roma Ignazio Marino è stato condannato a due anni: a deciderlo è stato il giudice del processo d’appello. Le accuse? Peculato e falso; l’ex sindaco, invece, è stato completamente assolto per il reato di truffa collegato alle consulenze fatte con la sua associazione Onlus, la Imagine.

Il caso è nato in seguito al presunto pagamento di 56 cene con alcune carte di credito consegnate a suo tempo dal comune di Roma allo stesso Marino: tali cene, svoltesi in un periodo di due anni -dal 2013 al 2015-, non avrebbero avuto alcun tipo di carattere istituzionale.

All’uscita dall’aula l’ex sindaco capitolino è parso scuro in volto e non ha voluto rilasciar alcun tipo di dichiarazione; la stessa tattica è stata utilizzata dal suo avvocato, Enzo Musco, che ha commentato quanto accaduto con un laconico “no comment”.

Qualche ora dopo il politico e chirurgo ha rilasciato un comunicato, nel quale ha dichiarato “La Corte di Appello di Roma oggi condanna l’intera attività di rappresentanza del sindaco della Città Eterna. In pratica i giudici sostengono che in 28 mesi di attività, il sindaco non abbia mai organizzato cene di rappresentanza ma solo incontri privati. Un dato che contrasta con la più ovvia realtà e la logica più elementare. Non posso non pensare che si tratti di una sentenza dal sapore politico proprio nel momento in cui si avvicinano due importanti scadenze elettorali per il Paese e per la Regione Lazio. Sono amareggiato anche se tranquillo con la mia coscienza perché so di non aver mai speso 1 euro pubblico per fini privati. Con lo Studio Musco continuerò la mia battaglia per la verità e la giustizia in Cassazione”.

Musco ha invece detto “”non posso non evidenziare come la sentenza di condanna del prof. Marino appare priva di qualsiasi fondamento razionale e giuridico. Una sentenza in evidente conflitto con quanto emerso dalle indagini della Procura”.

Insomma, il processo è lungi dall’essere chiuso: Marino, difatti, è pronto a ricorrere in Cassazione, così da poter chiarire una volta per tutte la sua posizione.

[fonti articolo: rainews.it, ansa.it, lastampa.it, ilmessaggero.it]

[foto: lastampa.it]

Loading...

Vi consigliamo anche