Il nuovo lavoro di Emanuele Filiberto di Savoia: “Vendo pasta italiana su un furgoncino”

Un'idea imprenditoriale per valorizzare la pasta italiana sul mercato americano: ecco il progetto di street food secondo l'erede dei Savoia

L’intraprendenza e l’inventiva ad un italiano medio non sono mai mancate.
Ma se ad averle avute è un membro della casa reale dei Savoia, la questione fa già notizia. Se poi si tratta del Principe Emanuele Filiberto, ovvero del personaggio che anche in TV non ha mancato di stupire finora con performance artistiche e alle prese ora con un progetto nel settore dello street food, la notizia è quasi uno scoop nonché alquanto curioso.

Sarebbe stato proprio lui a confessare le sue ambizioni imprenditoriali a Chi, il settimanale orgoglioso di aver raccolto i dettagli del progetto (praticamente già realizzato) dell’erede reale, spinto dalla sua passione per il Made in Italy e per la ristorazione.

“Ho progettato e fatto realizzare un camioncino dove posso preparare pasta fresca e poi cucinarla con i sughi della nostra tradizione – ha detto Emanuele Filiberto, presentando la sua idea – così è nata la mia nuova iniziativa che ho ribattezzato “Prince of Venice”, il titolo nobiliare che mi ha dato alla nascita mio nonno, re Umberto I“.*

Insomma, con un brand in ascesa che parte di certo sotto la buona stella, visto che l’impresa si potrà avvalere della collaborazione dello chef italiano Mirko Paderno – già noto sulla piazza locale –  la metropoli di Los Angeles come prima area di lancio sul mercato statunitense non dovrebbe deludere le aspettative e raggiungere l’obiettivo secondo il Principe: “Un marchio di riferimento del settore fast food gourmet della pasta fresca. A settembre metterò in strada altri due furgoni.”

I prezzi? Alquanto modici per lo standard americano: 15 dollari per un piatto di fettuccine con scampi e vongole, mentre con un dollaro in più si avranno le linguine ai tartufi.

[*fonte: Urbanpost.it – foto:  IlGiornale.it]