0 Shares 26 Views
00:00:00
12 Dec

Scandalo Weinstein, lite social tra Vladimir Luxuria e Asia Argento

La Redazione
12 ottobre 2017
26 Views
Scandalo Weinstein, lite social tra Vladimir Luxuria e Asia Argento

Il diverbio tra Vladimir Luxuria e Asia Argento è scoppiato e si è diffuso su Twitter. Un lungo botta e risposta tra le due che ha suscitato numerose polemiche, soprattutto dopo le dichiarazioni che l’attrice e regista ha fatto in merito a uno stupro subito quando lei aveva solo ventuno anni. La figlia del grande Dario è una delle tante che, in passato, ha subito le molestie del produttore cinematografico Harvey Weinstein e che, oggi, ha avuto il coraggio di denunciare.

Ma per Vladimir Luxuria la situazione è diversa. “Avresti dovuto dire no a Weinstein”, ha commentato l’ex parlamentare, scatenando la reazione di Asia. L’attrice, sempre su Twitter, ha rivelato di sentirsi triste e delusa ma che “solo in Italia vengo considerata colpevole del mio stupro perché non ne parlai”.

Lo scandalo Weinstein ha però coinvolto anche altre attrici, tra cui Angelina Jolie e Gwyneth Paltrow, che hanno denunciato i tentativi di abuso da parte del noto produttore. Un vero e proprio scandalo mediatico riportato sulle pagine del “New York Times” e che, negli Stati Uniti, è diventato l’argomento del giorno. Soprattutto dopo le dichiarazioni di Hillary Clinton, che ha fatto sapere alla stampa di rinunciare alle donazioni che Weinstein aveva fatto in passato ai Democratici.

La lite social tra Asia e Luxuria ha puntato i riflettori sulla difficoltà che le donne hanno nel denunciare queste storie. Paura, vergogna, disperazione è quello che avrà provato a suo tempo Asia. In sua difesa è intervenuto il fidanzato Anthony Bourdain, chef di fama internazionale, che ha voluto difenderla postando una foto di lei con il dito medio puntato.

In merito alla vicenda non sono mancati i commenti da parte degli utenti che hanno seguito su Twitter il litigio tra le due. A infastidire Asia sono i processi e gli insulti, quel sottintendere, nemmeno tanto velato, in merito al suo silenzio: l’attrice non denunciando a suo tempo Weinstein ha cercato di evitare uno scandalo che poteva compromettere la sua carriera.

E a rincarare la dose, sempre su Twitter, è Luxuria che scrive: “Hai fatto un film con uno che ti ha violentata? No, non ci credo, dovevi rifiutare”. E la parlamentare ha ricordato ad Asia che proprio lei, pochi mesi prima, ha condotto un programma come Amore Criminale, dove la violenza contro le donne va sempre denunciata.

Insomma, la vicenda è molto delicata, ma intanto sullo scandalo Weinstein emergono altri dettagli. Léa Seydoux, in una lettera scritta al “Guardian”, ha spiegato di aver subito le avance del produttore. “Mi ha guardato come se fossi un pezzo di carne”, ha commentato l’attrice, confermando quindi le denunce riportate dalle sue colleghe.

Quello che è successo ad Asia e alle altre dimostra in modo inequivocabile che la figura femminile viene trattata ancora come un oggetto. “Tutto questo è inaccettabile”, ha tuonato la Jolie, coinvolta anche lei nello scandalo, mentre Weinstein dovrà rispondere nelle sedi opportune del suo miserevole comportamento.

[Foto: www.tgcom24.mediaset.it]

Vi consigliamo anche