0 Shares 2 Views
00:00:00
25 Nov

Chi era Maria Bolognesi? Negli anni ’60 sconfigge il diavolo e profetizza gli ultimi attentati terroristici

Antonella Tereo
1 dicembre 2015
2 Views
profezia maria bolognesi attacchi terroristici kamikaze suicidi

Il caso stavolta si solleva dalle pagine di diari in polverosi archivi, quelli che – secondo la stampa italiana – avrebbero predetto gli attentati kamikaze del terrorismo jihadista. La prima donna proclamata beata (e in odore di santità) da Papa Francesco, Maria Bolognesi, avrebbe infatti avuto visioni e confessioni mistiche durante la sua vita e le sarebbe stato anticipato un periodo futuro di attacchi suicidi.

La donna, laica, prodiga verso i più bisognosi e vissuta nella provincia di Rovigo come cattolica praticante, nel 1941 non ancora vent’enne  si allontana dalla Chiesa ed il padre ricorre a vari sacerdoti per togliere quello che sembra un improvviso sortilegio del diavolo. Solo il Vescovo – raccontano le cronache dell’epoca – riesce ad attenuare le visioni mistiche della giovane e col tempo, a tali intercessioni, si associano confessioni e profezie che riporta in 2000 pagine di diario da lei scritte sulla base della sua esperienza e dei suoi incontri.

Fra queste, si nota anche quello risalente al gennaio del 1960 che, su IlGazzettino o alcuni siti on line, in questi giorni viene riportato come l’episodio-simbolo, quello in cui si descrive l’apparizione del Signore che le annuncia di pregare per le tante vittime procurate da persone che si suicidano.

Quello che la stretta attualità ci propone sarebbe stato in qualche modo anticipato: secondo anche quanto lo stesso presidente del Centro Beata Maria Bolognesi, l’avv. Luciano Faraon scrive in una lettera a Papa Francesco, gli attentati di matrice jihadista degli ultimi 14 anni sarebbero spiegati dalla profezia della mistica italiana, morta nel 1980. Un fatto che rende le rivelazioni di Maria Bolognesi, secondo Faraon, importanti al pari di quelle di Fatima.

 

Vi consigliamo anche