0 Shares 175 Views
00:00:00
18 Jul

Russia, blocco Telegram a causa dei disservizi

Martina Manoni - 16 aprile 2018
16 aprile 2018
175 Views
blocco telegram

Blocco Telegram, l’autorità delle telecomunicazioni russa ha deciso di avviare le procedure per sospendere in modo definitivo l’app di messaggistica istantanea Telegram. Una decisione che arriva dopo la sentenza dello scorso venerdì. Il motivo sarebbero i troppi disservizi segnalati dagli utenti russi, ed in seguito anche in altri paesi come Italia, Bielorussia, Brasile, Iran, Pakistan e molti altri.

Blocco Telegram: gli operatori hanno 24 ore di tempo

In Russia si e provveduto al blocco di Telegram. Gli utenti hanno segnalato diversi malfunzionamenti dell’app, in particolar modo le procedure di login e logout. Non è ancora chiaro se i disservizi continui dell’app di messaggistica siano dovuti al blocco che è in corso in Russia.

L’autorità delle telecomunicazioni russa ha concesso a tutti gli operatori di telefonia mobile 24 ore di tempo per limitare l’accesso a Telegram. Anche App Store e Google Play dovranno rimuovere l’applicazione dai loro negozi digitali. Il tribunale distrettuale di Taganskij ha ordinato il blocco istantaneo dell’app di messaggistica creata da Pavel Durov, il quale non ha voluto consegnare alle autorità competenti le chiavi di crittografia che servivano a decifrare i messaggi inviati e ricevuti.

Reputiamo la decisione di bloccare Telegram anticostituzionale e continueremo a difendere il diritto dei russi a messaggi privati. La decisione danneggia gli interessi nazionali russi dal momento che gli utenti passeranno ai servizi statunitensi Facebook e WhatsApp”, queste sono state le parole del creatore dell’app che da 4 anni è in autoesilio.

Pavel Durov contro il blocco di Telegram

Lo stesso Durov aveva espresso il suo pensiero dopo la sentenza di venerdì in merito al blocco di Telegram. Durov aveva dichiarato che Telegram aveva già pensato a dei metodi per arginare i disservizi. Molti utenti si sono rivolti ai social per cercare della guide su come navigare in Internet in modo anonimo, come ad esempio VPN e i vari server proxy, che in Russia sono stati banditi nel 2017.
Telegram oggi conta più di 200 milioni di utenti in tutto il mondo, e tra questi ben 9 milioni sono russi.

L’app è ritenuta molto più sicura rispetto alla sorella maggiore WhatsApp, in quanto resta anonima e funziona con un avanzato sistema di crittografia. Secondo la stampa russa Telegram sarebbe una delle poche app create senza utilizzare fondi statali o risorse nazionali.

[Foto: http://m.dagospia.com]

Loading...

Vi consigliamo anche