0 Shares 19 Views
00:00:00
14 Dec

Tim Burton crea una collezione di moda ispirata ai suoi film

LaRedazione
30 settembre 2009
19 Views

Tim Burton. Un famoso maestro del cinema dallo stile visionario, sia che si tratti di pellicole in live action che in grafica animata.
La città di New York lo omaggia con una retrospettiva al MoMA (museum of Modern Art) e il magazine Harper’s Bazaar gli ha dedica il numero di Ottobre.

E fino a questo punto non c’è nulla di strano, se non fosse che Harper’s Bazaar ha esortato il regista a immaginare una linea di vestiti per l’autunno che rispecchiasse i tratti peculiari dei personaggi dei suoi film.

E Tim Burton non si è limitato a immaginarla, l’ha addirittura creata. Ma non dobbiamo immaginarcelo alle prese con manichini e bozzetti intento a prendere le misure alle modelle. Perché il regista ha utilizzato sapientemente gli abiti dei più famosi stilisti internazionali raggiungendo uno stupefacente risultato.

Ne è nato uno stile unico e particolare che ricorda molto da vicino le atmosfere oniriche che si ritrovano in tutti i suoi film.

Documentata dal fotografo Tim Walker, questa impresa rivela i tratti tipici del mondo di Tim Burton, anche per la scenografia utilizzata.

Una distesa di fiori colorati che contrasta col grigio plumbeo del cielo. I capelli colorati delle modelle che fanno scintille con la loro pelle bianchissima e i loro occhi contornati di nero. Accostamenti di vestiti che giocano col mondo gothic dark per approdare ad uno stile unico che rivela il buon gusto (anche se molto particolare) di Tim Burton.

E probabilmente le modelle (Malgosia Bela, Evelina Mambetova e Sephie Srei) si saranno divertite moltissimo a rappresentare i personaggi più rappresentativi del mondo burtinano indossando abiti di alta moda, disegnati dei più grandi stilisti internazionali (come Saint-Lauren, Vuitton, Goutier e Versace).

Insomma, forse lo stile non è all’insegna della portabilità quotidiana, ma l’americanissima festa di Halloween si avvicina e questi scatti potrebbero essere uno spunto degno di nota.

Vi consigliamo anche