0 Shares 11 Views
00:00:00
14 Dec

Guida autonoma: Ford Fusion Hydrid, prototipo che va da sola

LaRedazione
19 dicembre 2013
11 Views
Guida autonoma: Ford Fusion Hydrid, prototipo che va da sola

Il gruppo Ford presenta il prototipo Ford Fusion Hybrid con il sistema integrato di guida automatica.

Ormai è chiaro a tutti che nel mondo dell’automobilismo la guida automatica è senza ombra di dubbio il prossimo passo da completare. Ormai si tratta di un must per tutte le maggiori case oggi attive, e anche di quelle minori che sperano in questo modo di guadagnarsi un posto nell’Olimpo in un futuro alquanto prossimo.

In tal senso si potrebbe definire Google un capostipite, ma Ford è una delle più attive, facendo registrare di recente un nuovo passo in avanti, verso questa nuova tecnologia, ma soprattutto verso quel sogno di ecosostenibilità che la compagnia si è prefissato di rendere reale entro il 2025.

Tanto scalpore è stato generato dal prototipo della Fusion Hybrid, la quale sarà in grado di guidare in maniera del tutto automatica. La Fusion, realizzata grazie alla collaborazione con l’Università del Michigan e il gruppo privato State Farm, è il modello sul quale la Ford ha scommesso maggiormente negli ultimi anni, ponendogli sulle spalle tutto il gravoso peso di raggiungere l’obiettivo dell’auto autonoma.

Su quest’auto saranno implementati l’Active Park Assist e l’Active City Stop. In pratica il comparto tecnico di cui disporrà quest’auto, stando almeno alle notizie lasciate trapelare fino ad oggi, comprenderà la possibilità di parcheggiare in maniera automatica, il monitoraggio delle pericolose zone d’ombra causate dalla carrozzeria, il controllo della velocità in grado di adattarsi al clima e alle condizioni della strada, il mantenimento della corsia di percorrenza e il monitoraggio della segnaletica stradale.

Ciò che più incuriosisce però, e come non potrebbe, è la guida automatica. Ford ne ha parlato, dicendo che la vettura è stata testata nella realtà virtuale Virttex, ovvero sfruttando un simulatore di guida. Così facendo la compagnia è stata in grado di valutare in ogni dettaglio le potenzialità dell’auto e della tecnologia in questione, risparmiando un bel po’ di soldi dal momento che il tutto è avvenuto senza dover per forza avviare alcuna produzione.

A bordo sono stati posizionati del sensori Lidar in più, che hanno il compito di scansionare un’area pari a 60 metri intorno all’auto. Fatto ciò dovranno poi generare una mappa dell’ambiente, comprendendo al suo interno qualsiasi elementi che possa riflettere luce.

La nuova Ford Fusion Hybrid dunque è in grado di vedere tutto ciò che l’occhio umano riesce a percepire, con il vantaggio però, di riuscire a distinguere pericoli, pedoni, ciclisti, ostacoli di ogni sorta ecc, senza però distrarsi mai da una corretta e sicura guida autonoma. Il futuro è sempre più vicino, e Ford morde i freni.

 

Loading...

Vi consigliamo anche