0 Shares 7 Views
00:00:00
12 Dec

Nuova Opel Meriva con FlexSpace e FlexDoors

5 gennaio 2010
7 Views

La seconda generazione di Opel Meriva, che verrà presentata in anteprima il 4 marzo al Motor Show di Ginevra, definirà nuovi standard di versatilità con numerose caratteristiche innovative studiate per ottimizzare la flessibilità nell’uso degli spazi, accompagnate da un design personale e contemporaneo. Dopo aver precorso i tempi della versatilità a bordo con la compatta sette posti Zafira nel 1999, Opel ha creato il nuovo segmento di mercato delle monovolume compatte alla portata di tutti con il lancio della prima generazione di Meriva nel 2003.

Con il rivoluzionario sistema FlexSpace per i sedili posteriori, l’elevata posizione di seduta e l’interno spazioso, la Meriva offriva flessibilità e dimensioni contenute.

Il sistema FlexSpace è stato ulteriormente elaborato per diventare ancora più intuitivo e facile da utilizzare. Viene inoltre presentato il sistema FlexDoors, con le portiere posteriori incernierate all’indietro che facilitano l’accesso alla vettura; la prima volta in un marchio di volume.

Inoltre la nuova Meriva dispone di molti vani portaoggetti nell’abitacolo, grazie anche al concetto rivoluzionario della console centrale flessibile, e dell’esclusivo sistema Opel FlexFix – il portabiciclette integrato che si richiude come un cassetto sotto il bagagliaio. La flessibilità, segno distintivo di Meriva, è sottolineata dal design espressivo dell’esterno e dell’interno che riprende il nuovo e premiato linguaggio stilistico scultoreo del Marchio.

Il profilo da monovolume è fluido, elegante e dinamico. La grafica dei cristalli posteriori presenta una caratteristica onda che sottolinea le FlexDoors con cerniera posteriore, migliorando allo stesso tempo la visuale dei passeggeri posteriori, in particolare ai bambini.

Nell’abitacolo, l’innovativo sistema FlexSpace per i sedili posteriori presentato nella prima Meriva è stato ulteriormente sviluppato: spostare i sedili nelle diverse posizioni o ribaltarli è ancora meno faticoso. Il sistema è più intuitivo e semplice da usare. Nell’abitacolo, lo spazio di stivaggio è considerevolmente superiore, con posti comodi per gli oggetti che si portano in auto con maggior frequenza. La rivoluzionaria console FlexRail è composta da moduli sostituibili che si possono spostare su barre posizionate tra i sedili anteriori e offre spazi comodi e flessibili per qualsiasi utilizzo.

Nella parte anteriore, i grandi sedili sono simili a quelli delle nuove Astra e Insignia.
L’ampiezza di regolazione si posiziona ai vertici della gamma, con 240 mm in senso longitudinale e 65 mm in altezza, consentendo a persone di tutte le altezze e di tutte le età di trovare la massima comodità durante i viaggi. Un’altra novità per la Meriva è la disponibilità dell’esclusivo portabiciclette posteriore integrato FlexFix.

E’ la prima volta che un costruttore di volume propone un sistema come FlexDoors che rende semplice entrare e uscire dai sedili posteriori. La posizione delle cerniere della portiera sul montante posteriore lascia inoltre più spazio ai piedi dei passeggeri per passare oltre la flangia del montante centrale. Le FlexDoors si aprono a 84 gradi, molto più delle portiere tradizionali, che hanno standard di 68-70 gradi. Anche i passeggeri anteriori possono sfruttare lo stesso angolo di apertura di 84 gradi. Le FlexDoors non solo facilitano l’accesso all’abitacolo, ma sono anche più ergonomiche e consentono ai passeggeri anteriori di aprirle più rapidamente quando ripongono dietro al sedile anteriore una giacca, una cartellina o un ombrello.

La linea del tetto ribassata e filante associata al tipico motivo Opel a lama sulla fiancata e alla linea ondulata del finestrino posteriore conferiscono alla Meriva carattere e un aspetto fresco e originale. Le FlexDoors invitano a entrare in un paesaggio interno di linee e superfici armoniosamente fluide. L’avvolgente pannello strumenti ad ala accresce la sensazione di ampiezza e spaziosità. La console centrale inclinata in avanti aumenta questa percezione e aggiunge un tocco di sportività ed un effetto scultoreo. L’elevata qualità delle finiture e degli assemblaggi e la disposizione e la decorazione dei comandi è tipica di automobili di classe superiore.

. La gamma dei propulsori comprende motori turbo ecologici ed efficienti con potenze a partire dai 75 CV del motore 1.3 CDTi. Su Meriva sarà montata una serie di cambi manuali a 5 e 6 velocità e un cambio automatico a 6 rapporti. Disegnata e sviluppata presso il centro tecnico Opel di Rüsselsheim in Germania, la nuova Meriva verrà costruita a Saragozza, in Spagna, e la sua commercializzazione è prevista per l’estate.

Vi consigliamo anche