0 Shares 19 Views
00:00:00
17 Dec

Balotelli chiede scusa ma aggiunge: ‘Non ho ammazzato nessuno’

LaRedazione - 27 settembre 2013
LaRedazione
27 settembre 2013
19 Views

Dopo l’espulsione e il rigore sbagliato nella gara con il Napoli, Mario Balotelli è tornato a parlare dell’infuocato finale di cui si è reso protagonista coi partenopei. Un finale che non solo gli ha procurato una pesante squalifica, ma ha anche riproposto le perplessità sulla sua capacità di gestire le pressioni e di non cadere nelle trappole che gli vengono tese dai difensori avversari, anche a livello verbale.

SuperMario ha infatti rilasciato ai microfoni dell’antenna satellitare Sky una intervista nella quale ha chiesto scusa e affermato di essere dispiaciuto per i compagni, per la tifoseria e per la società rossonera. Ha inoltre provveduto a chiedere scusa all’arbitro della gara col Napoli, dopo la raffica di insulti generosamente dispensati al suo indirizzo. Curiosamente, il giocatore ha parlato usando la terza persona, affermando di aver sbagliato dopo essere stato provocato, ricordando allo stesso tempo di non aver però ucciso nessuno.

Una intervista nella quale scuse e scusanti si sono intrecciate strettamente, unendosi ad una richiesta di maggiore tutela verso i difensori avversari e il gioco duro che è ormai diventato una consuetudine nelle gare che lo vedono impegnato. Balotelli sembra però consapevole di aver scelto il momento peggiore per ricadere negli antichi vizi, tanto da chiedere scusa anche ai propri compagni, lasciati soli in un momento in cui le numerose assenze ne hanno falcidiato le fila.

Le parole di Balotelli fanno seguito ai tanti interrogativi suscitati dalla sua assurda reazione al termine della gara coi partenopei, i quali hanno riproposto il problema rappresentato da un carattere non facile, che lo porta spesso sopra le righe.

Una reazione che non è passata inosservata, tanto da spingere Roberto Mancini, ex tecnico di SuperMario prima con l’Inter e poi con il Manchester City, ad esortarlo a cambiare registro, ricordandogli che un vero campione non deve rispondere alle eventuali provocazioni degli avversari e che un giocatore come lui deve essere consapevole dei rischi in tal senso. Rischi ai quali Balotelli dovrebbe al più presto abituarsi, se vuole riuscire a sfruttare in pieno i suoi mezzi tecnici.

Oltre alle parole di Mancini, vanno messe in rilievo le dichiarazioni dell’agente del giocatore rossonero, Mino Raiola, il quale ha voluto sottolineare la prova di maturità offerta in questa occasione dal suo assistito, chiedendo scusa a compagni, tifosi e società. Un gesto che secondo Raiola viene dal cuore e non è dovuto a calcoli, anche perché è ormai risaputo che se una cosa non riesce a sentirla, Balotelli non la fa.

Resta adesso solo da vedere se finalmente il fuoriclasse del Milan riuscirà a mettere la testa a posto, come gli viene chiesto ormai da tempo dall’opinione pubblica e da tutti coloro che vorrebbero vederlo in risalto per le prodezze tecniche e non per altri motivi meno nobili.

Loading...

Vi consigliamo anche