0 Shares 15 Views
00:00:00
17 Dec

La nuova Italia di Cesare Prandelli

dgmag - 25 giugno 2010
25 giugno 2010
15 Views

Ancora scottata dalla pessima uscita dai mondiali di calcio 2010 e in attesa del rientro della squadra a Malpensa (domani mattina), la Nazionale di calcio mette insieme i pezzi e riparte dal nuovo allenatore Cesare Prandelli che potrebbe essere presentato già la prossima settimana.

Assodato che l’ultima Italia di Lippi è uscita con le ossa rotte dai mondiali di calcio 2010 Prandelli dovrà affrontare una doppia sfida: ripartire da zero e cercare di ripartire subito.

Ciò vuol dire che nella nuova Italia di Cesare Prandelli molto probabilmente troveranno spazio quei personaggi che Marcello Lippi non ha voluto sostenendo addirittura di avere la ricetta segreta per la vittoria e invitando i giornalisti a cambiare lavoro: Balotelli e Cassano sono destinati ad un futuro in azzurro anche se il doriano per Euro 2012 avrà 30 anni e ne avrà 32 per Brasile 2014.

Sicuramente in azzurro finiranno la rivelazione mancata Quagliarella ma anche i giovani assolutamente non sfruttati da Marcello Lippi come Palombo, Bonucci, Borriello e Pazzini; Prandelli potrà contare anche su Giuseppe Rossi e Aquilani ma saranno decisive le prossime prove per verificare la loro effettiva utilità sulla squadra. E anche su Santon, Poli, De Silvestri e Ranocchia, nuove leve del calcio italiano.

Quasi sicuramente non mancheranno i senatori Andrea Pirlo e Daniele De Rossi anche se quest’ultimo, va detto, in questo mondiale di calcio 2010 non ha affatto brillato e anzi ha spesso fallito.

Quanto ai portieri, assodato che Buffon a livello fisico ha dei problemi ormai insanabili o quasi, su chi punterà Prandelli? Marchetti resta una delle scelte possibili ma non dimentichiamoci di Sirigu o di Storari che alla Juventus quest’anno potrebbe davvero dimostrare di valere o ancora di Curci, sperando in un suo recupero totale.

Loading...

Vi consigliamo anche