0 Shares 10 Views 1 Comments
00:00:00
14 Dec

Mario Balotelli al City: non sono un cattivo ragazzo, sono solo particolare

17 agosto 2010
10 Views 1

Mario Balotelli si è presentato questo pomeriggio alla stampa inglese dopo la firma del contratto che lo legherà al Manchester City per le prossime cinque stagioni.

"I’m not a bad boy. In Italia dicono così, ma io non sono cattivo, sono solo un ragazzo particolare", ha dichiarato all’esordio Balotelli aggiungendo di essere molto felice per l’arrivo alla corte di Mancini che considera "l’ambiente giusto per crescere, sono venuto qua e sono contento".

"Io ho detto che mi dispiaceva lasciare l’Italia per la famiglia e gli amici, non per questioni di calcio", ha poi precisato e "per quanto riguarda il calcio, sono contentissimo di venire qui".

Balotelli ha parlato anche dei problemi di razzismo che ha avuto in Italia: "in Inghilterra non penso che esista razzismo, in Italia è successo due-tre volte e sono cose che non devono accadere. Mi ha dato fastidio, ma ho imparato a conviverci e a far finta di niente. Io ora ho solo voglia di giocare. Si può sbagliare ma sono ancora giovane. Sono qui per giocare e farò il possibile per essere titolare sempre".

E ha raccontato della decisione che lo ha portato a lasciare l’Inter: "decisi di andare via dopo Inter-Barcellona. Dopo quella partita ogni giorno c’erano pagine intere su di me su tutti i giornali, era anche difficile vivere a Milano e ho detto al mio procuratore di volere andare via".

"La pressione era sicuramente esterna, interna non direi. Quasi tutti i miei compagni mi hanno sempre voluto bene"
ha aggiunto concludendo con un pensiero su Massimo Moratti: "non mi sento in colpa con Moratti ma è stato un grande presidente e ho sempre avuto un buonissimo rapporto con lui. Mi ha trattato veramente bene e se lo vedo per strada mi farebbe piacere offrirgli qualcosa".

Pronti per vedere Balotelli all’azione con il City? Forse Roberto Mancini lo schiererà già lunedì 23 agosto contro il Liverpool e allora vedremo se davvero SuperMario ha le carte in regola per sfondare nella Premier League.

Loading...

Vi consigliamo anche