0 Shares 7 Views
00:00:00
15 Dec

Prandelli: ‘Italia Argentina una sfida in omaggio a Papa Francesco’

LaRedazione - 13 agosto 2013
LaRedazione
13 agosto 2013
7 Views

Prandelli dedica la sfida amichevole di mercoledì dell’Italia contro l’Argentina, in omaggio a Papa Francesco. D’altronde il match è stato proprio pensato per salutare l’inizio del pontificato del Cardinal Bergoglio, eletto questo inverno, primo papa sudamericano della storia, e proprio di nazionalità argentina.

Non solo, va considerato anche che Papa Francesco è un grande appassionato di calcio, e non ha mai nascosto la sua passione per i colori rossoblu del San Lorenzo de Almagro, la sua squadra del cuore in Argentina. Dunque, quale migliore occasione per il mondo dello sport di un’amichevole alla vigilia di Ferragosto, tra il paese che da sempre ospita il Vaticano, e quello natale del Pontefice? Un aspetto che il commissario tecnico della nazionale Cesare Prandelli ha voluto sottolineare, alla vigilia di una sfida che, seppure in piena estate, potrà comunque fornire importanti indicazioni tecniche, con la nuova stagione agonistica ormai imminente.

Tuttavia, nella conferenza stampa di presentazione, il tecnico italiano non ha nascosto l’emozione che si prova nel dedicare una partita al Santo Padre, il che fa scivolare in secondo piano l’aspetto sportivo. Nella giornata di martedì i calciatori delle due nazionali si recheranno proprio in udienza da Papa Francesco, e Prandelli ha sottolineato che, almeno secondo il suo parere personale, l’emozione di un incontro a tu per tu con il Santo Padre non può essere di certo paragonata a quella di una partita. Insomma, un momento carico di significati extra – calcistici, e l’allenatore degli azzurri non ha nascosto la speranza che Papa Francesco possa decidere di assistere, nella tribuna dello Stadio Olimpico, alla partita di mercoledì sera. ‘Se non mi emozionerò troppo, formulerò il mio invito’, ha spiegato Prandelli, che nel corso dell’incontro con i giornalisti ha comunque naturalmente anche accennato alla partita.

D’altronde dall’altra parte del campo ci sarà (in dubbio) sempre un certo Leo Messi, anche se quello che viene considerato il più forte calciatore del pianeta si presenta all’appuntamento un po’ acciaccato, a causa di problemi fisici che lo hanno costretto a saltare le ultime amichevoli del Barcellona. Pur in quella che Prandelli ha sottolineato sarà un’atmosfera di festa, il tecnico si aspetta che gli azzurri riescano a seguire il filo conduttore delle prestazioni della Confederations Cup, disputata in Brasile appena un mese e mezzo fa. Anche se di mezzo ci sono state delle seppur brevi vacanze, e la preparazione atletica va ancora rifinita, il ct della Nazionale si è augurato di vedere una squadra già reattiva, e pronta mentalmente ad affrontare quelle che, dopo questa amichevole, saranno le sfide decisive per ottenere la qualificazione al Mondiale del prossimo anno.

Loading...

Vi consigliamo anche