0 Shares 10 Views
00:00:00
16 Dec

Qualificazione Mondiale 2014: domani sera al San Paolo ultimo turno Italia-Armenia

LaRedazione - 14 ottobre 2013
LaRedazione
14 ottobre 2013
10 Views

Dopo aver chiuso in parità l’incontro di venerdì scorso in Danimarca, con un goal di Aquilani nei minuti di recupero, la nazionale azzurra chiuderà domani sera la fase di qualificazione affrontando al San Paolo di Napoli l’Armenia, che nell’ultimo turno ha riservato una sorpresa battendo la Bulgaria. Per la formazione di Cesare Prandelli la gara di domani davanti al calorosissimo pubblico napoletano rappresenta l’occasione per confermare la propria imbattibilità nel girone, ma è anche l’occasione di piazzarsi, con una vittoria, in una posizione della classifica FIFA che la metta tra le teste di serie al momento del sorteggio dei gironi per la fase finale del prossimo campionato mondiale.

La formazione di domani dovrebbe vedere alcune variazioni rispetto a quella che è scesa in campo in Danimarca; Prandelli vuole verificare i suoi ragazzi anche in partita, dopo averli avuti a disposizione per una settimana in allenamento, e cercherà anche di dosare gli sforzi di tutti in vista della ripresa di campionato che presenta molti scontri interessanti come Fiorentina – Juventus, e Roma – Napoli che sarà anticipata a venerdì alle 20.45. Il pubblico napoletano si aspetta naturalmente di veder partire titolare Lorenzo Insigne, che in queste prime giornate di campionato è stato uno dei migliori nella squadra di Benitez.

Per lui si tratterebbe dell’occasione di giocare con la maglia azzurra nello stadio della sua città, come è accaduto in passato ad altri calciatori famosi della storia del Napoli come Juliano, Ferrara e Fabio Cannavaro. Possibile il ritorno in campo anche di Balotelli, seppur le sue condizioni di salute non siano delle migliori. L’attaccante del Milan è stato al centro dell’attenzione per tutta la settimana, prima per la sua convocazione, decisa da Prandelli nonostante la squalifica per tre giornate, poi per il malanno muscolare e la presunta voglia di non seguire la nazionale a Copenhagen, poi per le condizioni di salute.

Una partecipazione, seppure non per l’intera partita sembra dunque assicurata. Altri cambi potrebbero avvenire a centrocampo, dove sembra assodato l’impiego del viola Aquilani dal primo minuto, dopo l’entrata ed il gol nel finale in Danimarca, e forse di Pirlo che dovrebbe prendere il posto di Thiago Motta. In difesa previsto un turno di riposo per Chiellini, con il rientro di Bonucci, mentre resta in ballottaggio la posizione di Pasqual che dovrebbe prendere il posto di Balzaretti. Certo invece l’avvicendamento tra i pali, con Buffon fresco recordman di presenze azzurre, che lascia il posto allo scalpitante Marchetti.

Questa la probabile formazione italiana: ” Marchetti; Abate, Astori, Bonucci, Pasqual; Marchisio, Aquilani, Pirlo; Montolivo; Balotelli, Insigne” alla quale l’Armenia opporrà ” Berezovsky; Arzumanyan, Mkrtchyan, Ghazarya, Sarkisov; Hovhannisyan, Movsisyan, Mkoyan, Mkhitaryan; Hayrapetyan, Ozbiliz “. Con questi uomini Prandelli giocherà con il 4 – 3 – 1 – 2, mentre il tecnico armeno ha optato per un classico 4 – 4 – 2, nel quale il giocatore di maggior classe è il centrocampista Mkhitaryan che milita nella Bundesliga nelle file del Borussia Dortmund.

Per gli armeni, che sono ormai esclusi dalla qualificazione, nonostante la vittoria sulla Bulgaria, l’occasione di fare bella figura contro la nazionale azzurra e di mettersi in mostra davanti a molti osservatori. La gara di andata si concluse con la vittoria degli azzurri per 3 – 1.

Loading...

Vi consigliamo anche