0 Shares 13 Views
00:00:00
18 Dec

Serie A, 13a giornata: il Cagliari frena la Roma, Juve in vetta

LaRedazione - 26 novembre 2013
LaRedazione
26 novembre 2013
13 Views
Serie A, 13a giornata: Cagliari frena la Roma, Juve in vetta

La Roma di Garcia non riesce più a vincere, fermata sullo 0 – 0 dal Cagliari all’Olimpico e lascia alla Juventus, che aveva espugnato, Livorno il primo posto nella classifica del campionato.

La partita tra giallorossi e rossoblù è stata molto intensa, così come il minuto di raccoglimento che l’ha preceduta in memoria delle vittime dell’alluvione di sette giorni in Sardegna, a cui si è aggiunto il ricordo di Amedeo Amadei, storico giocatore della Roma, e bomber del primo scudetto giallorosso scomparso pochi giorni fa. La Roma ha fatto quasi sempre la partita, ed il Cagliari si è salvato anche grazie a quattro grandi parate effettuate da AVramov, che hanno costretto i giallorossi a terminare la gara senza segnare reti, per la prima volta in stagione.

Roma sfortunata anche in occasione del palo colpito da Gervinho e subito dopo quando Strootman solo in area si vede il suo tiro a botta sicura respinto dal portiere sardo. Anche De Sanctis si è dovuto comunque superare per mettere in angolo un colpo di testa di Ibarbo che si era ben liberato in area. Il Cagliari non poteva disporre di Nainggolan che scontava la giornata di squalifica, mentre nelle file dei giallorossi Liajic opera nella posizione abitualmente occupata da Totti e Destro torna a disposizione dopo sei mesi, ma non si alzerà dalla panchina.

L’avvio della Roma è imperioso con un bombardamento iniziale verso la porta difesa da Avramov che fa presagire un facile successo. Con il passare dei minuti però il Cagliari acquista fiducia e si fa vedere anche in zona di attacco sfruttando la velocità e la tecnica di Sau ed Ibarbo. Dopo 20 minuti di gara c’è anche una protesta giallorossa per un fallo su Florenzi, che il direttore di gara giudica fuori area, concedendo la regola del vantaggio alla Roma, vantaggio che poi non si concretizza. Pianic con i tiri da fuori e Maicon con i cross, alimentano l’attacco giallorosso, che però non riesce ad ottenere quel gol che avrebbe cambiato il corso della gara.

Nel secondo tempo si va avanti sulla falsariga del primo con la Roma che attacca ed il Cagliari che si difende, approfittando anche di alcuni errori dei romani in zona conclusiva. Sau va in goal, ma l’arbitro annulla per il giusto fuorigioco, mentre inizia la girandola delle sostituzioni. La partita diventa più nervosa ed il tecnico romanista Garcia viene espulso dall’arbitro al 27° del secondo tempo, così come Pulga, il vice di Lopez. Anche in campo iniziano a vedersi colpi oltre il limite, mentre il rossoblù ” romano ” Daniele Conti riceve gli insulti del pubblico dell’Olimpico.

Nel finale la Roma attacca ancora a testa bassa, sfruttando anche la fisicità del subentrato Borriello, ma le strade verso la porta cagliaritana sono tutte bloccate ed è De Sanctis che deve ancora una volta salvare la sua porta sul sinistro da fuori area scoccato da Eriksson. A fine gara un tranquillo Garcia, commenta il risultato finale della gara dicendo ” certe gare si possono anche perder ” ed assegnando al portiere rossoblù Avramov la palma del migliore in campo. Per la Roma, nella prossima trasferta sul campo dell’Atalanta sarà senza il suo tecnico e con molta probabilità anche senza Benatia che è uscito dal campo per un problema muscolare.

Dunque, finisce a reti invariate il posticipo della 13a giornata di campionato di serie A, tra Roma e Cagliari, giornata che tra l’altro segna il sorpasso ufficiale in classifica della Juventus di Antonio Conte.

Loading...

Vi consigliamo anche