0 Shares 8 Views
00:00:00
18 Dec

500 giorni insieme, trama del fenomeno cinematografico del momento

dgmag - 26 novembre 2009
26 novembre 2009
8 Views

Esce venerdì 27 novembre in oltre 100 copie 500 giorni insieme, fenomeno cinematografico dell’estate americana distribuito da Twentieth Century Fox, diretto da Marc Webb, con Joseph Gordon-Levitt e Zooey Deschanel.

"Questa è la storia di un ragazzo che incontra una ragazza":
con queste parole il narratore introduce il film che racconta la storia d’amore imprevedibile, libera e sregolata di un uomo in un anno e mezzo.

Tom, il ragazzo, crede ancora, nonostante il cinismo del mondo moderno, all’idea dell’amore predestinato che cambia tutto, al colpo di fulmine che capita una sola volta nella vita; Sole, la ragazza, invece no. Per niente.

Ma ciò non ferma Tom, che continua a correrle dietro ancora e ancora, come un moderno Don Chisciotte, con tutta la forza e il coraggio che ha. Tom s’innamora perdutamente non solo di una ragazza adorabile, intelligente e brillante ma dell’idea stessa di Sole, l’idea di un amore che ha il potere di far sussultare il cuore e fermare il mondo.

La miccia prende fuoco il Giorno 1, quando Tom (Joseph Gordon Levitt), un aspirante architetto che lavora come autore di sdolcinati biglietti di auguri, incontra Sole (Zooey Deschanel), l’allegra e bellissima nuova segretaria del capo, appena giunta dal
Michigan.

Per quanto appaia fuori dalla sua portata, Tom scopre presto di avere molte cose in comune con Sole. Entrambi amano gli Smiths. Entrambi hanno un debole per l’artista surrealista Magritte. Tom un tempo viveva nel New Jersey e Sole ha un gatto di nome Bruce .

Il Giorno 31 le cose procedono "casualmente" e il Giorno 32 Tom è irrimediabilmente “cotto” e vive in un mondo di fantastiche emozioni, avendo in mente solo Sole.

Il Giorno 185 la situazione si trova in una sorta di limbo, ma non è senza speranze. E così, ripercorrendo gli eventi che hanno segnato gli alti e bassi della relazione, con i giochi amorosi fra Tom e Sole talvolta meravigliosi, spesso tumultuosi, la storia esplora il turbolento territorio che va dall’infatuazione ai primi incontri, dal sesso alla separazione, dalle recriminazioni alla redenzione, in un vortice fatto di balzi tra passato e presente, split screen, numeri di karaoke e verve cinematografica.

Film d’apertura del 62. Festival di Locarno (2009), vincitore del premio del pubblico al Sundance Film Festival, ha incassato 50 milioni di dollari e si caratterizza per non essere una storia d’amore ma una storia sulla consapevolezza: di sè, degli altri e del mondo che ci circonda.

Con cinismo, disillusione e trovate geniali che rendono 500 giorni insieme godibile, divertente e diversa: perchè l’amore al cinema non è solo cuori, zuccherini e smancerie.

Loading...

Vi consigliamo anche