0 Shares 7 Views 2 Comments
00:00:00
14 Dec

A Serious Man dei fratelli Coen, trama e recensione

La Redazione
4 dicembre 2009
7 Views 2

Mettete insieme due fratelli surreali che decidono di dar vita ad un cinema altrettanto surreale, che piace e diverte: ecco la ricetta segreta di Joel Coen ed Ethan Coen che tornano nei cinema italiani da oggi con la commedia A Serious Man.

A Serious Man racconta la storia della ricerca di chiarezza da parte di un uomo comune che vive in un’epoca accompagnata dalla musica dei Jefferson Airplane e dalle immagini televisive di F- Troop.

Siamo nel 1967 e Larry Gopnik (Michael Stuhlbarg), professore di fisica in una tranquilla università del Mid West, ha appena saputo da sua moglie Judith (Sari Lennick) che lei ha deciso di lasciarlo poiché si è innamorata di Sy Ableman (Fred
Melamed
), un uomo a suo avviso molto più concreto e importante dell’inetto Larry.

Il fratello disoccupato di Larry, Arthur (Richard Kind), dorme sul divano di casa loro, il figlio Danny (Aaron Wolff) ha seri problemi disciplinari e non combina nulla alla scuola ebraica mentre la figlia Sarah (Jessica McManus) gli ruba costantemente i soldi dal portafogli per potersi rifare il naso.

E mentre sua moglie e Sy Ableman progettano allegramente la loro nuova vita insieme, e suo fratello diventa un peso sempre più insostenibile, un anonimo gli scrive lettere minacciose e ostili che mettono a repentaglio la sua cattedra all’Università e uno studente tenta di corromperlo per ottenere la promozione minacciandolo al contempo di denunciarlo per diffamazione. A peggiorare le cose, c’è anche la bella vicina di casa che gli infligge insopportabili tormenti prendendo il sole nuda.

Alla ricerca del perduto equilibrio, Larry chiede consiglio a tre rabbini diversi. Ma c’è qualcuno che sia veramente in grado di aiutarlo a superare i suoi problemi e a diventare una persona retta e seria?

A Serious Man è sicuramente un film complesso non tanto per la tematica trattata quanto per l’ironia e la sagacia di stampo ebreo e culturalmente molto lontana dagli italiani; un motivo, questo, che rende la pellicola probabilmente poco interessante agli occhi di pensa di trovarsi di fronte un film sulla crisi matrimoniale e la crisi della società.

Il film racconta infatti di tradizioni messe alla berlina e strumentalizzate a fini personali ma resta indecifrabile per quanti, e sono molti, non conoscono la cultura ebrea in tutte le sue sfaccettature e dunque non riescono a comprendere il significato delle parole dei protagonisti.

A Serious Man è un film per chi non si lascia spaventare e riesce a guardare oltre il velo che separa la realtà dalla fantasia, l’immagine dalla parola.

Loading...

Vi consigliamo anche