0 Shares 17 Views
00:00:00
18 Dec

Altro grave lutto nella Cultura italiana, è morto Vincenzo Cerami

LaRedazione - 17 luglio 2013
LaRedazione
17 luglio 2013
17 Views

Un altro lutto ha colpito il mondo della cultura e del cinema italiano. Vincenzo Cerami, lo scrittore e sceneggiatore che scrisse con Roberto Benigni il film La vita è bella che fu anche candidato all’Oscar, è morto a Roma all’età di 73 anni dopo una lunga malattia. Cerami è stato anche un drammaturgo ed un paroliere e nello scorso mese ha ricevuto anche il premio David di Donatello assegnatogli alla carriera e che in sua vece è stato ritirato proprio da Roberto Benigni e Nicola Piovani. Nativo di Roma, ma con genitori di origine siciliana, Vincenzo Cerami ebbe la svolta nella sua attività quando divenne allievo di Pier Paolo Pasolini, e la frequentazione del grande maestro che gli fece scoprire poesia, letteratura e cinema, ha contribuito molto alla sua formazione. Il primo romanzo di Vincenzo Cerami, dal titolo Un Borghese piccolo piccolo fu edito nel 1976 e fu la base del film con lo stesso titolo interpretato dal grande Alberto Sordi per la regia di Mario Monicelli. Al cinema comunque l’opera più ricordata dal pubblico è senza dubbio il film con Roberto Benigni incentrato sulle deportazioni degli ebrei nei campi di concentramento. Con il comico toscano Cerami ha avuto un lungo rapporto di amicizia e collaborazione, scrivendo anche le sceneggiature di Il Piccolo Diavolo e Pinocchio. Nel corso della sua lunga carriera ha avuto modo di lavorare con grandi personaggi della letteratura e del cinema come Fellini, Troisi, Moravia e Sordi, per i quali ha sempre avuto parole di elogio asserendo di aver ” rubato ” da ciascuno di loro molti esempi di vita. Appresa la notizia della sua morte lo ha voluto ricordare anche il suo concittadino Walter Veltroni che lo ha definito un grande scrittore ed un vero amico. Vincenzo Cerami aveva sempre avuto un grande impegno civile e proprio l’ex sindaco di Roma lo aveva convinto a partecipare con lui nel 2008 al ” governo ombra ” ricoprendo l0incarico di responsabile alla cultura. Tra i suoi libri si ricordano i romanzi Amorosa presenza uscito nel 1978, Ragazzo di vetro, del 1983, ma anche il romanzo in versi Addio Lenin edito nel 1981 ed il racconto musicale Il Signor Novecento realizzato in collaborazione con Nicola Piovani nel 1994 dal quale fu tratto 4 anni più tardi lo spettacolo teatrale Romanzo musicale. Non è mancata la divagazione nel genere giallo con Fattacci del 1997, nel quale Cerami analizza quattro delitti italiani. La sua attività di scrittore teatrale ha prodotto L’amore delle tre melarance, L’enclave del Papes, Sua maestà, e Ring.

Loading...

Vi consigliamo anche