0 Shares 8 Views
00:00:00
16 Dec

Astro Boy con Trio Medusa, Carolina Crescentini e Silvio Muccino

dgmag - 15 dicembre 2009
15 dicembre 2009
8 Views

Il Trio Medusa, Carolina Crescentini e Silvio Muccino: queste le voci italiane scelte per il doppiaggio di Astro Boy, presentato a Roma e che è risultato quasi una sorpresa.

Astro Boy è l’avventura che descrive le origini di un supereroe: nel futuristico mondo di Metro City, una splendente metropoli che si trova nel cielo, il brillante scienziato dott. Tenma decide di creare Astro Boy, affinché prenda il posto del figlio tragicamente scomparso.

Lo scienziato programma così la sua creatura con i più alti valori e con le migliori caratteristiche umane possibili, dotandola di straordinari super poteri.

Ben presto, però, Astro Boy mostra di non essere in grado di soddisfare le aspettative del padre e il piccolo Robot deve affrontare la dura realtà di non essere umano.

Tratto dall’omonimo famosissimo manga creato da Osamu Tezuka, Astro Boy è stato seguito dalla conferenza stampa più divertente del Festival, merito soprattutto del trio Medusa.

Silvio Muccino ha spiegato il suo rapporto con il doppiaggio e il mondo dei cartoni animati: "non conoscevo affatto né il manga, né la storia di Astro Boy. Anzi, non conosco affatto l’universo dei manga, l’unico cartone giapponese che da bambino mi faceva impazzire era Holly & Benji, ne ero completamente ossessionato! Mentre adoro i film d’animazione, Nemo non lo posso più vedere perché piango come un’adolescente disperata! Ma vedete, non c’è nessun’attore che non vorrebbe dare la sua voce ad un cartone, così appena mi è arrivata la notizia ho detto subito di sì senza conoscere nessun dettaglio. Avvicinarsi al doppiaggio è stato difficile, noi attori abbiamo sempre timore e rispetto per questo mondo, serve un tecnicismo che non abbiamo. Ho dovuto lavorare tanto, cercando di rendere adattabile la mia voce a quella di un dodicenne! Poi scoprendo Astro Boy ho trovato il personaggio che ho sempre voluto interpretare,un po’ Pinocchio, un po’ Peter Pan e un po’ Oliver Twist".

Alla prima esperienza al doppiaggio anche Carolina Crescentini: "quando mi hanno proposto di doppiare Cora non ci ho pensato su due volte, lei è così particolare, un mix tra Wendy di Peter Pan e una teppistella un po’ coatta. Ma sotto sotto è dolcissima… è deliziosa!".

La situazione cambia poi con le domande Trio Medusa: "noi ci teniamo a sottolineare che l’abbiamo fatto solo per soldi!" esordisce Gabriele Corsi, corretto da Furio Corsetti che dice di averlo atto anche "per fare qualcosa che possono vedere i nostri figli… vagli a spiegare chi è Sgarbi!". Giorgio Maria Daviddi conclude dicendo che i fumetti sono "una passione, li colleziono da sempre… ma è stato molto più fico doppiare un frigo, anche perché dovevo fare la mia vera voce, non quella che uso quando lavoro!".

"La cosa bella è che ci avevano detto che sarebbe potuto essere difficile interpretare questi personaggi. Poi quando hanno visto il risultato erano sbalorditi, noi abbiamo semplicemente detto ‘è stato facilissimo, erano tre deficienti! Abbiamo dovuto fare noi stessi! Poi è paradossale che noi tre dovessimo fare dei personaggi che sembravano usciti dalla commedia all’italiana, una specie di Lino Banfi con Lenin sullo sfondo! Tre idioti che vogliono fare una rivoluzione e non sanno che fare, e pensano a una piuma con cui fare il solletico al Presidente… ditemi se non è il programma del PD!",
hanno aggiunto i tre con evidenti richiami politici mandando in visibilio la sala.

Loading...

Vi consigliamo anche