0 Shares 4 Views
00:00:00
17 Dec

Berlin Calling, recensione e trailer

dgmag - 4 novembre 2009
4 novembre 2009
4 Views

Hannes Stöhr è il regista di Berlin Calling con Paul Kalkbrenner, Rita Lengyel, Corinna Harfouch, Peter Schneider, Araba Walton, RP Kahl, Henriette Müller e Maximilian Mauff distribuito da Officine Ubu.

Presentato ai Festival di Belino, Locarno, Amburgo e Toronto, Berlin Calling racconta la storia di un musicista nella Berlino di oggi.

Ickarus (Paul Kalkbrenner), famoso DJ e compositore di Berlino, si appresta a pubblicare il suo nuovo disco, che dovrebbe consacrarne il definitivo successo; quando il disco viene rifiutato dalla casa discografica, Ickarus comincia una rapida discesa nei bassifondi di Berlino e della sua vita.

Neppure la sua fidanzata Mathilde (Rita Lengyel) sembra riuscire a mettere un freno ai suoi continui eccessi, al punto tale da lasciarlo, per tornare con la sua ex Corinna (Araba Walton), che lavora come buttafuori in un club techno.

Intanto i problemi con la droga di Ickarus diventano sempre più opprimenti, fino a costringerlo ad un ricovero forzato in una struttura di recupero dove stringe amicizia con gli altri pazienti Crystal Pete (Peter Schneider), Franz (Andre Hoffmann), Michi (Paul Preuss), Jamal (Mehdi Nebbou), Goa Gebhard (Caspar Body), e con Alex (Max Mauff) che sta svolgendo il servizio civile nella struttura di recupero.

Proprio da qui ripartirà, componendo le musiche per un nuovo disco dal titolo Berlin Calling, che segnerà l’inizio di una nuova tournée e, forse, di una nuova vita.

Hannes Stoehr realizza un film in grado di catturare con sensibilità e acume i sentimenti di una generazione. Con il DJ di fama internazionale Paul Kalkbrenner nel ruolo di protagonista, il regista accompagna lo spettatore in un eccitante viaggio nella musica, con tutti i suoi alti e bassi.

Berlin Calling, il trailer:

Loading...

Vi consigliamo anche