0 Shares 7 Views
00:00:00
11 Dec

Che fine hanno fatto i Morgan?, recensione

15 febbraio 2010
7 Views

Metti una coppia in crisi, mettiamo due persone completamente opposte e mettiamo anche il caso che siano inconsapevoli fautori del loro destino: tre elementi che raccontano, in maniera semplice, Che fine hanno fatto i Morgan?, la nuova commedia di Marc Lawrence con Hugh Grant e Sarah Jessica Parker nelle sale dal 19 febbraio.

Che fine hanno fatto i Morgan? racconta la storia di una coppia di successo di Manhattan, Meryl e Paul Morgan (Sarah Jessica Parker e Hugh Grant), che nonostante una vita appagante ha deciso di mettere fine al suo matrimonio.

All’uscita di un ristorante, e mentre cercano di affrontare in maniera diametralmente opposta i problemi di coppia, i Morgan diventano testimoni di un omicidio e dunque facili bersagli di un killer di professione (Michael Kelly).

Per proteggere i testimoni, i Federali sradicano i Morgan dall’amata New York e li nascondono in una piccola cittadina del Wyoming, dove la loro relazione già in crisi rischia definitivamente il collasso.

A meno che, tolti di mezzo i cellulari, Internet e la frenesia di New York, i due non decidano di ricominciare a parlarsi e ad affrontare la vita insieme, con l’aiuto dei due ospitanti Clay ed Emma Wheeler (Sam Elliott e Mary Steenburgen).

Tipica commedia americana, Che fine hanno fatto i Morgan? sfrutta gli stereotipi e lo fa puntando tutto sulla riconoscibilità e la prevedibilità dei due attori, fallendo: Grant infatti resta intrappolato nell’immagine di eterno bambinone e pesce fuor d’acqua della situazione mentre Sarah Jessica Parker continua ad essere associata all’immagine della newyorkese di successo da cui probabilmente non si libererà mai a causa di Sex and the city.

Una commedia a tratti divertente ma già vista e davanti alla quale non si può fare a meno di pensare che non basta la presenza di due attori di successo per garantirsi un certo successo se manca una sceneggiatura coerente e ben scritta e se in qualche modo vengono a mancare dei collegamenti necessari tra le varie parti del film.

Pessima la resa in italiano, soprattutto se si ha avuto modo di vedere il film in lingua originale dove si percepisce la differenza di accento tra i cittadini di New York e i cittadini del Wyoming, fatto che rende Che fine hanno fatto i Morgan? un po’ più appetibile rispetto alla versione nella nostra lingua.

Il trailer di Che fine hanno fatto i Morgan?:

Vi consigliamo anche