0 Shares 8 Views
00:00:00
14 Dec

Christine Cristina di Stefania Sandrelli, recensione

19 ottobre 2009
8 Views

Esordio alla regia per Stefania Sandrelli che questa mattina ha presentato al Festival di Roma il suo Christine/Cristina, interpretato dalla figlia Amanda, da Alessandro Haber e da Alessio Boni.

La Sandrelli racconta la storia dell’italiana Cristina da Pizzano (Amanda Sandrelli), conosciuta anche come Christine de Pisan, che dopo aver vissuto alla corte francese di Carlo V dove il padre è astrologo e medico si ritrova abbandonata senza alcuna risorsa mentre imperversano le lotte tra Armagnacchi e Borgognoni.

Costretta a sopravvivere nel mondo dei derelitti, scoprirà il proprio talento poetico garzie a Charleton (Alessandro Haber), un cantastorie da osteria, e al teologo Gerson (Alessio Boni).

Buona prova sia per la Sandrelli madre che per la Sandrelli figlia anche se a tratti la narrazione perde di intensità e si svela in tutti i suoi limiti: è come se mancasse il coraggio di osare, come se la narrazione del dolore non possa essere compresa all’interno della narrazione e così nonostante la crudeltà del racconto il tutto resta come sospeso e immobile.

Spesso Stefania Sandrelli tende a minimizzare la storia, a raccontarla come se si fosse di fronte ad un melò televisivo e questo impoverisce la pellicola.

Costato 2,5 milioni di euro, Christine Cristina uscirà nelle sale, distribuito da 01, il prossimo anno.

Loading...

Vi consigliamo anche