0 Shares 15 Views
00:00:00
18 Dec

Cinema: Morta Karen Black, l’attrice americana che recitò nel cult ‘Easy Rider’

LaRedazione - 9 agosto 2013
LaRedazione
9 agosto 2013
15 Views

La prolifica attrice con all’attivo oltre un centinaio di pellicole, si è spenta a 74 anni, a Los Angeles. Da tempo lottava contro una grave tumore all’apparato digerente. Ad annunciare la scomparsa è stato il marito di Karen Black, Stephen Eckelberry (sposato nel 1987), con un post su Facebook: “Con grande tristezza devo annunciare che mia moglie e migliore amica è morta qualche minuto fa“. Karen Black (pseudonimo di Karen Blanche Ziegler) era nata a Park Ridge (alle porte di Chicago), nell’Illinois il 1 luglio 1939. Sua madre, Elsie Reif, era una talentuosa scrittrice, vincitrice di diversi premi Pulitzer.

Prima di partire per New York, Karen, studiò recitazione alla Northwestern University. Nella Grande Mela ottenne parti più o meno importanti a teatro ed in alcuni musical. Poi, nel 1959, la prima apparizione cinematografica nel film di Gordon Weisenborn: The Prime Time. Dopo aver interpretato Amy Partlett in Buttati Bernardo! (titolo originale You’re a Big Boy Now) di Francis Ford Coppola, per Karen Black arriva la grande occasione: nel 1969 Dennis Hopper la sceglie per Easy Rider, pellicola simbolo di un’epoca che diventerà un cult. In realtà, Karen Black, ha un ruolo molto marginale nel film. La sua è poco più che una compassata: è lei la prostituta che divide una dose di Lsd con Billy (Dennis Hopper) e Wyatt “Capitan America” (Peter Fonda). Ma la sua interpretazione era stata magistrale ed emozionante. Al punto da trasformare la giovane Karen Black in icona della controcultura.

Dopo Easy Rider, per la Black arriva l’unica nomination all’Oscar. Siamo nel 1970 e la ragazza dalla sensuali labbra carnose è a fianco del grande Jack Nicholson in Cinque pezzi facili (regia di Bob Rafelson). L’oscar non arrivò, ma l’interpretazione di Rayette Dipesto le valse il primo Golden Globe come miglior attrice non protagonista. Il secondo Golden Globe (sempre come miglior attrice non protagonista) arriva nel 1974 per il ruolo di Myrtle Wilson nel film diretto da diretto da Jack Clayton, Il grande Gatsby. Durante la sua lunga carriera Karen Black, quatto matrimoni, due figli ed una vena artistica inesauribile, girò tantissime pellicole. Le sue apparizioni più memorabili sono state in “Airport ‘75”, “Ballata macabra”, “Nashville”,”Capricorn One”, ma soprattutto nell’angoscioso thriller “Il giorno della locusta” e in “Complotto di famiglia”, ‘l’ultimo lungometraggio del maestro del brivido, Alfred Hitchcock.

Dopo gli anni ’70, la sua fama s’appannò, ma Karen Black, non smise di lavorare, sia come attrice che come sceneggiatrice ed autrice di canzoni. E’ morta Karen Black, la piccola grande stella di Easy Rider e, con lei, se ne va un pezzo di storia del cinema.

Loading...

Vi consigliamo anche