0 Shares 14 Views
00:00:00
18 Dec

Come far addormentare i propri figli

dgmag - 30 marzo 2009
30 marzo 2009
14 Views

In occasione dell’uscita cinematografica di Racconti Incantati con Adam Sandler, l’inglese Andrea Grace fornisce alcuni utili consigli alle mamme che hanno problemi nel far addormentare i propri figli.

I problemi di sonno nei bambini possono diventare la causa principale di preoccupazione tra i genitori ma seguendo una serie di direttive, le mamme e i papà possono apprendere come aiutare i loro figli a rilassarsi e dormire.

La cosa più importante da stabilire in famiglia è una ripetitiva routine verso l’ora di andare a letto che, se seguita rigorosamente, mette al corrente i figli sulla propria capacità di controllo così come sul fatto che si sia accantonato del tempo speciale per trascorrerlo insieme; facendo uno sforzo con tuo figlio e mostrando entrambe l’affetto reciproco prima di dire la buonanotte, permetterai che tuo figlio dormi più in pace procurando ai genitori un senso di soddisfazione.    

Ecco nello specifico i consigli di Andrea Grace:
– stabilire un’ora di routine per andare a letto – una serie di tappe abitudinali che conducono ad addormentarsi.
– spegnere la TV, ignorare il telefono e dedicare ai tuoi figli almeno mezzora di qualità per rinforzare il legame.
– preparare la vasca per i tuoi figli per un bagno caldo. I più giovani avranno particolare beneficio ogni sera dal cantare nella vasca la stessa canzone insieme ai genitori.
– dopo il bagno, i bambini dovrebbero andare dritti a letto ed essere incoraggiati a tenere la stessa routine nelle loro camera ogni notte esempio: mettersi i pigiami, mettere in ordine i giocattoli, bere una bevanda di latte caldo, una breve conversazione sulla giornata, mettersi comodi a letto, una frase di buonanotte.
– tenere la camera da letto per dormire ed evitare di spedire i bambini nella loro camera come punizione. Ciò può essere causa che i bambini la associno con attività stressanti e negative, piuttosto che col sonno.  


– mantenere l’illuminazione bassa, tuttavia la camera da letto non deve essere buio pesto e una lucetta sul pianerottolo o nella camera dovrebbe essere sufficiente.
– i bambini in età scolare hanno bisogno circa dalle 8 alle 10 ore di sonno dunque è necessario stabilire l’ora di coricarsi tra le 7 e le 8 per dare abbastanza tempo di eseguire la routine, assicurandosi di avere le luci spente massimo entro le 9 al più tardi.
– il tempo della lettura dovrebbe certamente far parte anche dell’ora di routine per l’andare a letto di un bambino, poiché esso può non solo agire come un senso di sicurezza, ma anche favorire nei bambini l’amore per la letteratura.
– una favola della buonanotte è altamente raccomandata per bambini sopra i sei mesi. Per bambini con problemi di sonno, raccomando che la storia conclusiva sia sempre la stessa ogni notte, il che procura un senso di sicurezza, innescando altrettanto bene una voglia di sonnolenza.
– la scelta di una storia è importante. Anche se alcuni bambini maneggiano bene soggetti spaventosi, altri possono trovarli inquietanti. Lo stesso si applica a libri molto eccitanti. Per alcuni bambini finire una storia con una suspence li manterrà svegli per ore, mentre per altri il semplice metodo di dire una storia li calmerà e li addormenterà. Per ultimo, voi genitori siete i migliori giudici di quale tipo di storia si adatti meglio ai vostri figli. Per idee sui tipi di storie, guarda il nuovo film della Walt Disney “Racconti Incantati”.
– Andrea Grace crede che libri di poesia possono essere una buona scelta da leggere all’ora di coricarsi, poiché i loro testi ritmici possono condurre ad un buon sonno.
– provare a fare della lettura di una favola della buonanotte un tempo interattivo,  incoraggiando i bambini ad usare la loro immaginazione e coinvolgendoli a procedere nella storia.  
– con l’imminente stagione delle vacanze, Andrea Grace ha anche alcuni consigli su come tenere a bada il dormire dei vostri bambini durante questo periodo.
– durante le vacanze, ai bambini dovrebbe essere permessa una certa libertà di azione sull’ora di coricarsi, comunque c’è già molta eccitazione durante il giorno, è meglio non permettere che i bambini diventino sovraffaticati, poiché ciò potrebbe indurre ad uno scarso sonno.
– è importante che si mantengano simili tappe di routine, come avresti fatto durante un periodo feriale, alterando leggermente l’ora. Durante le vacanze una routine prestabilita dovrebbe essere facilmente seguita da entrambi,  sia bambini che genitori, anche se è stata decisa dopo o in un posto diverso. Inneschi “portatili” di sonno come canzoni o storie familiari possono essere molto benefici in questo periodo; dunque ciò è qualcosa che i genitori dovrebbero incorporare nelle loro routines quotidiane fin dal primo stadio.

Il miglior consiglio che Andrea Grace dà a tutti i genitori è di godere di tutti i preziosi momenti trascorsi coi loro figli nell’ora di andare a letto. Questo tempo potrebbe essere usato per una conversazione tranquilla sulla giornata di vostro figlio e godere delle tradizioni non convenzionali della buonanotte. Assicurarsi che il figlio si addormenti sentendosi amato e tranquillo è la cosa migliore che ogni mamma o papà possono fare per assicurare la felicità del proprio bambino.

Per ulteriori informazioni sui problemi del sonno o dell’ora di andare a dormire, visitare il sito di Andrea Grace a questo indirizzo oppure il sito della Disney dedicato all’educazione dei figli.

Loading...

Vi consigliamo anche