0 Shares 93 Views
00:00:00
20 May

Donne basse e grasse: così saremo nel futuro

LaRedazione - 22 ottobre 2009
LaRedazione
22 ottobre 2009
93 Views

Bassa e grassa. Si tratta di parole che, probabilmente, fanno innorridire la maggior parte delle donne. Ma a quanto pare le esponenti del genere femmilie dovranno abituarsi a convivere con queste caratteristiche, che, probabilmente, saranno il futuro delle donne.

Di chi è la colpa? questa volta non c’entrano cibi ipercalorici, stili di vita sbagliati o quant’altro. Semplicemente la selezione naturale sta facendo il suo corso.

A dirlo è il biologo evoluzionista Stephen Stearn che, a capo di una ricerca portata avanti dall’università di Yale, ha effettuato uno studio sulla storia medica di tre generazioni di 14mila abitanti della cittadina di Framingham, nel Massachusetts, ricerca poi pubblicata sul PNAS.

I risultati parlano chiaro: la donna del futuro sarà caratterizzata da qualche chilo in più e da qualche centimetro in meno. Il lato positivo, tuttavia, c’è. Le donne, infatti, avranno una più forte salute e avranno la possibilità di far figli per più tempo, in quanto la menopausa sopraggiungerà più tardi.

Tutto questo accadrà perché, secondo il parere di Stephen Stearn, le donne più basse e pesanti, con pressione sanguigna e colesterolo a norma, hanno avuto più possibilità di procreare rispetto alle donne più alte e leggere. E, tra l’altro, le caratteristiche del "basso" e del "sovrappeso", sono dominanti sulle altre.

Insomma, dobbiamo cominciare ad abituarci che la nostra progenie femminile dell’anno 2400 non sarà affatto alta e dall’aspetto longilineo, anzi. Più che futuro, questo, sembra il passato delle nostre nonne.

 

Loading...

Vi consigliamo anche

Star Wars Day: cose da sapere
Cinema

Star Wars Day: cose da sapere

La Redazione - 4 maggio 2018
Il cinema diventa a quattro zampe
Cinema

Il cinema diventa a quattro zampe

Michela Chiuchiolo - 30 marzo 2018
Renato Zero sbarca al cinema con Zerovskij
Cinema

Renato Zero sbarca al cinema con Zerovskij

Michela Chiuchiolo - 18 marzo 2018