Enemy Territory: Quake Wars

Uno dei migliori FPS (sparatutto in prima persona) in circolazione sul mercato videoulico è tornato su XBOX LIVE 360, PS3 e PC in una nuova avventura chiamata Enemy Territory: Quake Wars.

Il famosissimo brand "Quake" sviluppato dalla ID Software e distribuito dalla Activision diventa multiplayer online mettendo a confronto due eserciti completamente comandati da "umani", al posto del classico giocatore vs CPU, rivoluzionando il genere degli sparatutto.

 

La trama di Quake Wars è il prequel degli avvenimenti narrati in Quake II e racconta della lotta dell’umanità contro la feroce razza aliena degli Strogg, approdata sulla terra per sottomettere gli umani e trasformarli in miniera di cibo e "pezzi di ricambio".

L’aspetto tattico è fondamentale per la riuscita delle missioni: il giocatore dovrà scegliere se vestire i panni di un geniere, un cecchino, un medico, un fuciliere a seconda dei target da portare a termine.

Cambiare il proprio ruolo è possibile solo dopo la morte del personaggio, oppure dopo il "suicidio virtuale" che consiste nel mettere il gioco in pausa e selezionare un altro soldato con il relativo equipaggiamento; questo stratagemma però, regalerà inevitabilmente un punto all’avversario perchè l’abbandono del player viene conteggiato come una sconfitta.

Fare i commandos in solitario non risulta essere una scelta saggia in quanto Quake Wars è innanzitutto gioco di squadra che si rivela estremamente necessario se non si vogliono sacrificare troppe vite e donare punti preziosi all’avversario.

 

Il gioco dalla impressionante grafica 3D è improntato sul massimo del realismo e vanta un grande numero di missioni e obiettivi da raggiungere attraverso tattiche militari studiate a tavolino. La possibilità di usare mezzi militari terrestri, marini ed aerei infuocherà lo scontro tra i due eserciti contrapposti dotati di caratteristiche uniche ed equipaggiamenti diversi.

A voi la scelta se stare dalla parte degli alieni o degli umani. Che la sfida contro gli Strogg abbia inizio… l’umanità è pronta a difendersi!