0 Shares 9 Views
00:00:00
15 Dec

Fare figli è più facile in una società sviluppata

7 agosto 2009
9 Views

Secondo uno studio reso noto da Economist e Nature, quando un Paese raggiunge livelli di sviluppo elevati la natalità riprende a crescere.

Nella ricerca, condotta da Francesco Billari dell’università Bocconi e da Hans Peter Kohler e Mikko Myrskyla della University of Pennsylvania, emerge come alcuni Paesi sviluppati abbiano già da anni invertito la tendenza alla riduzione della popolazione.

Per 107 paesi i demografi hanno messo in relazione il tasso di fertilità con l’indice di sviluppo umano, un indicatore utilizzato dall’Onu che tiene conto della speranza media di vita, del reddito medio e del livello di istruzione.

Secondo gli studiosi quando l’indice di sviluppo umano supera lo 0,86, il tasso di fertilità ricomincia a prendere quota; e in alcuni paesi con un alto indice di sviluppo (intorno allo 0,95), come Stati Uniti, Francia e Islanda, questo tasso si sta avvicinando all’obiettivo dei due figli per donna e alla sostenibilità demografica.

Con un tasso di 1,35 figli per donna, l’Italia è al ventinovesimo posto nella classifica dei figli per donna.

Loading...

Vi consigliamo anche