0 Shares 9 Views
00:00:00
17 Dec

Festival del cinema di Torino 2009, tutti i premi

dgmag - 22 novembre 2009
22 novembre 2009
9 Views

E’ stato La bocca del lupo di Pietro Marcello a vincere la 27esima edizione del Torino Film Festival: pellicola di stampo pasoliniano, La bocca del lupo racconta la storia dell’amore vero tra Enzo, uscito dal carcere dopo 30 anni, e Mary, transessuale vissuta per anni nei carugi di Genova, che si sono conosciuti in carcere. Sullo sfondo una Genova che non esiste più, abitata da un sottoproletariato, di cui fa parte Enzo, siciliano trapiantato in via Pré, Via del Campo e dintorni, da quando aveva due anni.

La bocca del lupo è un film innovativo e la consultazione di materiale di repertorio ha permesso al regista di ricostruire una città che non esiste più e che ricorda tanto le ballate di De Andrè.

Per nostra fortuna, La bocca del lupo di Pietro Marcello sarà presto distribuito da in sala e in tv grazie a Rai Cinema e Bim.

La giuria composta dal presidente Sandro Petraglia, Anna Biller, Rui Nogueira, Maya Sansa  Gyorgy Szomjas ha assegnato il Premio speciale ex-aequo al canadese Crackie di Sherry White e Guy and Madeline on a Park Bench dell’americano Damien Chazelle.

Per le interpretazioni, miglior attrice è stata la cilena Catalina Saavedra per La nana di Sebastian Silva mentre migliori attori sono stati gli americani Robert Duvall e Bill Murray per Get Low di Aaron Schneider.

La Giuria di Italiana.doc del 27° Torino Film Festival, composta da Marta Donzelli, Stefano Mordini e Jean-Pierre Rehm, ha assegnato il premio per il miglior documentario italiano a Valentina Postika in attesa di partire di Caterina Carone.

Premio speciale della giuria ex-aequo a Corde di Marcello Sannino e The Cambodian Room – Situations with Antoine D’Agata di Tommaso Lusena e Giuseppe Schillaci, mentre una menzione speciale è andata a Je suis Simone – La condition ouvriere di Fabrizio Ferraro.

Per Italiana.Corti, ha vinto Notturno stenopeico di Carlo Michele Schirinzi, con Premio speciale della Giuria – Premio Kodak a Riviera 91 di Gabriele di Munzio e una menzione a Scordati di Progetto Funes.

Per Spazio Torino, il Premio Chicca Richelmy al miglior corto è andato ad Ali di cera di Hedy Krissane, mentre il Premio Cult – Il cinema della realtà per il miglior doc internazionale è andato a Oil City Confidential e al regista britannico Julien Temple, con una menzione speciale all’americano 45365 di Bill e Turner Ross.

Il premio Cipputi sul mondo del lavoro per la 27esima edizione è andato a Baseco Bakal Boys del filippino Ralston Jover.

Tra gli altri riconoscimenti, anche il Fipresci dei critici a La bocca del lupo di Pietro Marcello, distribuito da Bim, mentre il premio del pubblico al romeno Medalia de Onoare di Calin Netzer, con menzione speciale al protagonista Victor Rebengiuc.

Loading...

Vi consigliamo anche